Arriva School of Rock al Teatro della Luna di Milano


SCHOOL OF ROCK

Musica di Andrew Lloyd Webber

Liriche di Glenn Slater

Testo di Julian Fellowes

adattamento in italiano di Massimo Romeo Piparo

Foto e video si riferiscono all’edizione 2018-2019 – Credits: Marco Rossi / Antonio Agostini

Arriva anche a Milano uno dei musical più acclamati degli ultimi anni, “School of Rock”, che il maestro del genere, il mitico Andrew Lloyd Webber (sì proprio il creatore di Jesus Christ Superstar, Evita, Cats, ecc), ha tratto dal film di Richard Linklater (autore della trilogia Before), che aveva per protagonista l’istrionico Jack Black.
L’adattamento italiano, curato da un altro esperto del genere, Massimo Romeo Piparo ( sua la trasposizione italiana proprio di Jesus Christ Superstar), che dirige l’altrettanto versatile Lillo, vincitore quest’anno del Premio Internazionale Flaiano proprio per la sua interpretazione School of Rock.

Il nuovo tour del musical, dopo il successo degli anni precedenti, è iniziato lo scorso 2 novembre ad Assisi e toccherà varie città d’Italia.

La tappa milanese durerà dal 21 novembre all’8 dicembre e sarà al Teatro della Luna.

Il musical ricalca grosso modo la direzione del film con un uomo che ha sempre vissuto la musica e, in particolare, il genere rock come unica ragione di vita. Riesce a farsi assumere come insegnante in una scuola e, grazie a questo, riuscirà a coinvolgere i propri studenti sfidandoli a partecipare a una gara per band. Il rock diventa una metafora per questi ragazzi di trovare il proprio spazio nel mondo, andare oltre alle convenzioni prestabilite. In realtà il rock storicamente è sempre stato questo: un mezzo per ribellarsi allo status quo imperante e per far sentire la voce del dissenso. Il chitarrista irriverente che trasforma i suoi allievi in una energica e scatenata rock band ha rivelato: “Sono felice di interpretare questo Musical, School of Rock fa parte di quei pochissimi film che rivedo ciclicamente. E’ una commedia meravigliosa, superdivertente, ricca di buona musica e di messaggi importanti. E poi Jack Black è esattamente il tipo di attore comico che tento di essere, molto fisico e con quella dose di infantilismo che io stesso amo tirar fuori tutte le volte che vado in scena”, Massimo Romeo Piparo mi ha portato a Londra a vedere il musical di Andrew Lloyd Webber tratto dal film e sono rimasto folgorato dall’allestimento e dall’energia che i bambini sprigionano per tutto lo spettacolo con Dewey, il protagonista, bambino tra i bambini” e aggiunge: “spesso mi dicono ‘tu sei il Jack Black italiano’, probabilmente si riferiscono alla stazza da ‘cicciottello’, ma a me piace pensare che sia per il modo che ho di affrontare i personaggi che interpreto. Con quella dose di ‘immaturità’ di cui vado molto fiero”.

Un cast imponente per questo musical che, oltre a Lillo, si avvale della direzione di Emanuele Friello e la sua orchestra dal vivo; delle coreografie di Roberto Croce, di tre postazioni di band dal vivo con 12 talenti la cui età si trova sotto i 14 anni. Nel ruolo della preside della scuola in cui insegna Dewey Finn, abbiamo Vera Dragone. Selene Demaria e Matteo Guma completano il tutto nel ruolo di figure amiche del protagonista.
Massimo Romeo Piparo è sicuramente un maestro dei musical. Ha una carriera riempita di successi – da quello sensazionale di Mamma Mia! all’opera, con Ted Neely, dal piglio internazionale di Jesus Christ Superstar e avrà anche un ruolo nel tour europeo di Anastacia. Per questo regista e produttore è stato naturale pensare di adattare in italiano un testo inglese per dare modo al nostro pubblico di apprezzarne in pieno la bellezza e la vis comica. Inoltre quale occasione migliore di questa per portare sul palco molti dei giovani talenti che lui stesso sta coltivando?



Seguendo il solco tracciato con Billy Elliot e Tutti Insieme Appassionatamente, ho fortemente voluto School of Rock come spettacolo dedicato a quella fascia di età che io amo moltissimo e che rappresenta ormai il nostro unico futuro, se non già l’inconfutabile presente” afferma Piparo. “E’ una storia raccontata da bambini e rivolta agli adulti che spesso non sono capaci di ascoltare cosa un bambino chieda loro. La musica, come strumento di elevazione spirituale ma anche di emancipazione e libertà. E’ tutto qui il senso di questa meravigliosa storia dell’eterno Peter Pan che c’è in noi e che non vuole crescere per non dover affrontare il mondo tremendo dell’essere adulto. In School of Rock è il bambino che insegna ai grandi cosa sia il rispetto, l’amore, la comprensione. Ed è per questo che mi auguro di vedere i Teatri riempirsi di famiglie sedute insieme a divertirsi – ma a commuoversi nello stesso momento- davanti alla pirotecnia musicale di questo Musical. La dolce, ironica, istrionica verve di Lillo è quanto di meglio potessi augurarmi per condurre il racconto portandolo fino a toccare le corde più intime e profonde degli spettatori: un bambino tra i bambini che si riscopre adulto grazie ai bambini, ma non prima di aver regalato loro la forza di poter diventare adulti.


Ricordiamo ai lettori che School of Rock andrà in scena al Teatro della Luna di Milano dal 21 novembre all’8 dicembre. Proseguirà a Reggio Emilia, al Teatro Valli dal 13 al 15 dicembre; a Brescia, al Gran Teatro Morato il 21 dicembre; Padova, al Gran Teatro Geox dal 28 al 29 dicembre; Imola, al Teatro Ebe Stignani dal 3 al 7 gennaio 2020 per finire a Bari, al Teatro Team dall’11 al 12 gennaio.

https://schoolofrock.peeparrow.com/

https://it-it.facebook.com/schoolofrockmusicalitalia/

https://it-it.facebook.com/PeepArrowMassimoRomeoPiparo/

https://www.instagram.com/peeparrow_entertainment/

Articolo redatto da Silvia Azzaroli e Simona Ingrassia

Liked it? Take a second to support Simona Ingrassia on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *