Archivi categoria: attualità

La lunga agonia di Barbie & Co.

La più grande influenza sul presente è data dal passato, ma spesso ci si dimentica quanto il futuro eserciti potere sui tempi che corrono. Siamo bersagliati da ricerche finanziarie in prospettiva, analisi di mercato, campagne di marketing e tutto ciò deve la propria riuscita a una corretta previsione degli investimenti, delle mode e dei gusti futuri. Nel mezzo ci siamo noi, i consumatori, gli utilizzatori finali di prodotti utili e/o superflui, alla perenne ricerca dell’articolo appena venuto alla luce. Le nostre liste della spesa vengono aggiornate con pignoleria, straripando di gingilli futuristici, uguali a loro stessi, simili tra loro, ma irrimediabilmente irrinunciabili. I nostri desideri si archiviano come pratiche d’ufficio, quasi senza passione, e si focalizzano su tutto quel che permette di proiettare la nostra vita in giorni che forse non arriveremo neanche a vivere. Curiosi di novità o drogati di consumismo, diamo esempio ai bambini la cui mente è paragonabile a una spugna appena sbollata. Continua la lettura di La lunga agonia di Barbie & Co.

Il mostro del panico

I giorni sono sempre più frenetici e lo stile di vita sempre più sbagliato. Sembra scontato e ormai banale dirlo, ma la nostra vita sta cambiando e non in meglio. Abbiamo orari impossibili, cattive abitudini alimentari, non assorbiamo nulla di ciò che accade e tutto viene stivato in un posto lontano, in fondo all’anima. In qualsiasi momento della giornata, qualcosa di brutto e pesante pare fluttuare sulle nostre teste e con la stessa pressione di un carico di mattoni rossi, quel qualcosa curva il procedere sereno della nostra vita.

Continua la lettura di Il mostro del panico

SERIE TV EU VS USA: QUEER AS FOLK UK VS QUEER AS FOLK USA

Strizzatina d’occhio agli amici rainbow, agli amici degli amici e a tutti gli orfani di serie tv di qualità.
Oggi parliamo di ‘Queer As Folk’, serie televisiva britannica trasmessa in patria tra il 1999 e il 2000, ma ripresa con maggiore successo negli Usa proprio nello stesso anno e fino al 2005. Ci troviamo di fronte a uno dei rari casi nei quali il remake è nettamente migliore dell’originale e perciò, ‘Queer As Folk Usa’ sarà il punto di riferimento dell’articolo. Ma non dimentichiamo l’originale!
Continua la lettura di SERIE TV EU VS USA: QUEER AS FOLK UK VS QUEER AS FOLK USA

The Experiment: che cosa stiamo facendo?

È innegabile: per quanto riguarda i diritti civili, viviamo uno dei periodi più bassi e pericolosi degli ultimi decenni. La società sembra essersi aperta alla comunità LGBT, alle persone di colore, alle donne, agli stranieri, ai credenti di altre religioni, ma forse si tratta di un’apparenza realistica al punto di credersi dentro Matrix.
I casi di violenza accertati sono un numero in crescita costante, ormai in doppia cifra e il fenomeno non accenna a scemare. Anzi, viene incrementato ogni giorno da nuovi atti di brutalità, sempre più efferati e agghiaccianti.
Per dire: Il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni ha subito una qualche forma di violenza, fisica, sessuale o psicologica, nel corso della sua vita*. Ogni tre giorni viene registrato un caso di omofobia**, spesso riferito alle coppie maschili.
Ogni tipo di discriminazione ha un nome specifico: misoginia, omofobia, classismo, xenofobia, teofobia e tanto altro. Eppure, l’ostilità nei confronti del diverso può essere riassunta nel senso più moderno della parola “razzismo”: non più volontaria distinzione in razze e supremazia di una sulle altre, ma l’egemonia di un gruppo su di un altro.

Continua la lettura di The Experiment: che cosa stiamo facendo?

La tradizione dei “ battenti a sangue ” a Guardia Sanframondi

Ricordate in Gomorra 2 Salvatore Conte vestito in abito bianco ed incappucciato come uno del Ku Kux Klan che si fustiga il petto con atteggiamento penitente durante la processione del venerdì Santo? (nella fattispecie questa scena riprende il rito dei battenti a Minori, prov di Salerno).
Questo tipo di processione è molto sentito soprattutto al Sud nel periodo di Pasqua. Ma non solo.

Continua la lettura di La tradizione dei “ battenti a sangue ” a Guardia Sanframondi

Dietro le quinte della storia: Artemisia, storia di una Pittora

La parità tra uomo e donna è lontana tutt’oggi e mentre l’appello al principio di uguaglianza viene ignorato da alcuni e confuso da altri, con l’approfittare di chi era (ed è ancora, per certi versi) la parte forte, la giustizia viene meno per qualsiasi essere umano.
L’era moderna non sembra aver giovato all’equità tra gli uomini, per razza, sesso e religione. Eppure, la parità si trova a base di ogni democrazia definita ‘civile’: ogni anno, donne, omosessuali, portatori di handicap e qualsiasi persona ritenuta diversa dalla massa, muore per mano di mentalità distorte e malate.
Continua la lettura di Dietro le quinte della storia: Artemisia, storia di una Pittora

The Beatles: Paul is dead

Il 6 luglio 1957, un giovanissimo John Lennon incontrò per la prima volta un altrettanto giovane Paul McCartney, di Liverpool. Il primo, già leader dei Quarrymen, restò così impressionato dalla stupefacente abilità alla chitarra del secondo da desiderare il suo immediato ingresso nella band.  Quando ciò avvenne, proprio nel 1957, Lennon inaugurò in maniera del tutto inconsapevole uno dei sodalizi artistici più fruttuosi e longevi della storia.
Come avviene spesso in questi casi, dopo l’entrata di McCartney nei Quarrymen, George Harrison venne incluso nel gruppo proprio su indicazione del chitarrista di Liverpool, suo amico e concittadino. Ringo Starr, invece, entrò a far parte dei The Beatles solo dopo il cambio di nome e in sostituzione del batterista storico, Pete Best. Quest’ultimo era un personaggio assai schivo e introverso, quasi nocivo per l’unità scanzonata del gruppo: inoltre, Best non era un turnista e a differenza di Starr, non si era dimostrato propenso ad accettare una collaborazione temporanea, come proposto dai discografici.
Il 16 agosto del 1960, The Beatles divennero una realtà solida, con collaboratori che si contenderono per anni il titolo di Quinto Beatle. Tra questi troviamo: George Martin, produttore; Stuart Sutcliffe, batterista; Pete Best, batterista e esponente di spicco; Brian Epstein, manager; e Billy Preston, polistrumentista e voce che collaborò dapprima con Harrison e in seguito con Lennon e Starr.

Alcuni, però, includono un ultimo nome nella lunga lista dei componenti aggiuntivi del gruppo: William Campbell, alias Paul McCartney.
Quest’ultimo ha prestato voce e penna ai pezzi più belli della storia della musica moderna ed è difficile capire cosa c’entri con la figura del quinto Beatle e con un ex agente di polizia mai associato alla band. Secondo alcuni, tutto è molto più semplice: Paul McCartney è morto il 9 novembre 1966 (1965 per alcuni) e da allora, William Campbell lo sostituisce con discreta credibilità.
La presunta morte di Paul McCartney è una delle tante leggende che animano le convinzioni dei complottisti più accaniti. Tuttavia, sono diversi gli spunti di riflessione proposti dai sostenitori del P.I.D (Paul is Dead). Continua la lettura di The Beatles: Paul is dead

Giovanni Falcone: il coraggio di un granello

Mentre frequentavo il liceo classico, uno dei più bei momenti era quando l’insegnante di latino pescava alcune parole dal testo che avevamo tradotto per casa e ci spiegava la loro etimologia ed evoluzione, fino all’approdo nella lingua italiana. Era un piccolo appuntamento che riusciva ad attirare l’attenzione anche dei più distratti e ci regalava un nuovo punto di vista sul nostro linguaggio, che iniziava i suoi primi scontri con le abbreviazioni degli sms.
Tra i vari termini, quello che più m’è rimasto in mente è il verbo ricordare. Anzi, re-cordare, ovvero far tornare/riportare al cuore. Non una semplice operazione di memoria, bensì qualcosa di decisamente più complesso e sfaccettato. Entrano in campo discernimento, emotività, volontà e impulsi etici e religiosi: una vera e propria squadra che guida i passi di ogni uomo nelle varie situazioni. Continua la lettura di Giovanni Falcone: il coraggio di un granello

I cine-concerti di Harry Potter in arrivo a Milano e Napoli

La saga dei cine-concerti legati ad Harry Potter è approdata quest’anno in Italia grazie all’Orchestra Italiana del Cinema.
L’evento presentato da Forum Music Village, con il sostegno di MIBACT e il patrocinio di British Embassy Rome, fa parte della Harry Potter Film Concert Series, un tour mondiale di Cine-concerti lanciato da CineConcerts e Warner Bros. Consumer Products a partire dallo scorso giugno e che ha già fatto registrare il sold out in tutti i più importanti teatri in cui è stato annunciato.
Dopo il grande successo del debutto romano a dicembre, 3 date da tutto esaurito all’Auditorium della Conciliazione, il Cine-Concerto Harry Potter e La Pietra Filosofale arriva anche a Milano al Teatro degli Arcimboldi.

Continua la lettura di I cine-concerti di Harry Potter in arrivo a Milano e Napoli

COMICON 2017 – Grande successo con addio a Napoli?

Si è appena conclusa la XIX edizione di Napoli COMICON – Salone Internazionale del Fumetto – alla Mostra d’oltremare, come ogni anno, con numeri da record: tre giorni su quattro sold out (abbonamenti finiti in circa un mese dalla messa in vendita a febbraio) con oltre 130.000 visitatori.
Fumetto e Media: il Web, questo il tema dell’edizione 2017
Più di 200 ospiti (Recchioni, Sio, Toyotaro, Ortolani, Zerocalcare solo per citare alcuni dei nomi più importanti della nona arte), la regina del fanstasy europeo Licia Troisi, ospiti internazionali come lo scrittore francese Daniel Pennac (autore de Il ciclo di Malaussène, di cui sta per uscire l’ultimo) e la fumettista Florence Cestac che presentano Un amour exemplaire – Un amore esemplare (al debutto proprio nello stesso weekend al Teatro Bellini di Napoli) e gli attori Rachel Keller (Legion) e Liam Cunningham (Il Trono di Spade), oltre 600 gli eventi (tra fumetti, cinema, serie tv, videogame, giochi di ruolo) premi per tutte le categorie (per il miglior fumetto, grafica ed illustrazione, cosplay challenge) e performance live (ecco, a voler fare proprio un appunto quello che manca è un nome di spicco per un mega concerto serale – l’area esterna si presta eccome. E se sembra che stiamo suggerendo Cristina D’Avena in occasione della prossima edizione, la XX, bè si, lo stiamo facendo!)

Photo by Lorena Escalona per Nerd Nation

Continua la lettura di COMICON 2017 – Grande successo con addio a Napoli?