Archivi categoria: attualità

The Beatles: Paul is dead

Il 6 luglio 1957, un giovanissimo John Lennon incontrò per la prima volta un altrettanto giovane Paul McCartney, di Liverpool. Il primo, già leader dei Quarrymen, restò così impressionato dalla stupefacente abilità alla chitarra del secondo da desiderare il suo immediato ingresso nella band.  Quando ciò avvenne, proprio nel 1957, Lennon inaugurò in maniera del tutto inconsapevole uno dei sodalizi artistici più fruttuosi e longevi della storia.
Come avviene spesso in questi casi, dopo l’entrata di McCartney nei Quarrymen, George Harrison venne incluso nel gruppo proprio su indicazione del chitarrista di Liverpool, suo amico e concittadino. Ringo Starr, invece, entrò a far parte dei The Beatles solo dopo il cambio di nome e in sostituzione del batterista storico, Pete Best. Quest’ultimo era un personaggio assai schivo e introverso, quasi nocivo per l’unità scanzonata del gruppo: inoltre, Best non era un turnista e a differenza di Starr, non si era dimostrato propenso ad accettare una collaborazione temporanea, come proposto dai discografici.
Il 16 agosto del 1960, The Beatles divennero una realtà solida, con collaboratori che si contenderono per anni il titolo di Quinto Beatle. Tra questi troviamo: George Martin, produttore; Stuart Sutcliffe, batterista; Pete Best, batterista e esponente di spicco; Brian Epstein, manager; e Billy Preston, polistrumentista e voce che collaborò dapprima con Harrison e in seguito con Lennon e Starr.

Alcuni, però, includono un ultimo nome nella lunga lista dei componenti aggiuntivi del gruppo: William Campbell, alias Paul McCartney.
Quest’ultimo ha prestato voce e penna ai pezzi più belli della storia della musica moderna ed è difficile capire cosa c’entri con la figura del quinto Beatle e con un ex agente di polizia mai associato alla band. Secondo alcuni, tutto è molto più semplice: Paul McCartney è morto il 9 novembre 1966 (1965 per alcuni) e da allora, William Campbell lo sostituisce con discreta credibilità.
La presunta morte di Paul McCartney è una delle tante leggende che animano le convinzioni dei complottisti più accaniti. Tuttavia, sono diversi gli spunti di riflessione proposti dai sostenitori del P.I.D (Paul is Dead). Continua la lettura di The Beatles: Paul is dead

Giovanni Falcone: il coraggio di un granello

Mentre frequentavo il liceo classico, uno dei più bei momenti era quando l’insegnante di latino pescava alcune parole dal testo che avevamo tradotto per casa e ci spiegava la loro etimologia ed evoluzione, fino all’approdo nella lingua italiana. Era un piccolo appuntamento che riusciva ad attirare l’attenzione anche dei più distratti e ci regalava un nuovo punto di vista sul nostro linguaggio, che iniziava i suoi primi scontri con le abbreviazioni degli sms.
Tra i vari termini, quello che più m’è rimasto in mente è il verbo ricordare. Anzi, re-cordare, ovvero far tornare/riportare al cuore. Non una semplice operazione di memoria, bensì qualcosa di decisamente più complesso e sfaccettato. Entrano in campo discernimento, emotività, volontà e impulsi etici e religiosi: una vera e propria squadra che guida i passi di ogni uomo nelle varie situazioni. Continua la lettura di Giovanni Falcone: il coraggio di un granello

I cine-concerti di Harry Potter in arrivo a Milano e Napoli

La saga dei cine-concerti legati ad Harry Potter è approdata quest’anno in Italia grazie all’Orchestra Italiana del Cinema.
L’evento presentato da Forum Music Village, con il sostegno di MIBACT e il patrocinio di British Embassy Rome, fa parte della Harry Potter Film Concert Series, un tour mondiale di Cine-concerti lanciato da CineConcerts e Warner Bros. Consumer Products a partire dallo scorso giugno e che ha già fatto registrare il sold out in tutti i più importanti teatri in cui è stato annunciato.
Dopo il grande successo del debutto romano a dicembre, 3 date da tutto esaurito all’Auditorium della Conciliazione, il Cine-Concerto Harry Potter e La Pietra Filosofale arriva anche a Milano al Teatro degli Arcimboldi.

Continua la lettura di I cine-concerti di Harry Potter in arrivo a Milano e Napoli

COMICON 2017 – Grande successo con addio a Napoli?

Si è appena conclusa la XIX edizione di Napoli COMICON – Salone Internazionale del Fumetto – alla Mostra d’oltremare, come ogni anno, con numeri da record: tre giorni su quattro sold out (abbonamenti finiti in circa un mese dalla messa in vendita a febbraio) con oltre 130.000 visitatori.
Fumetto e Media: il Web, questo il tema dell’edizione 2017
Più di 200 ospiti (Recchioni, Sio, Toyotaro, Ortolani, Zerocalcare solo per citare alcuni dei nomi più importanti della nona arte), la regina del fanstasy europeo Licia Troisi, ospiti internazionali come lo scrittore francese Daniel Pennac (autore de Il ciclo di Malaussène, di cui sta per uscire l’ultimo) e la fumettista Florence Cestac che presentano Un amour exemplaire – Un amore esemplare (al debutto proprio nello stesso weekend al Teatro Bellini di Napoli) e gli attori Rachel Keller (Legion) e Liam Cunningham (Il Trono di Spade), oltre 600 gli eventi (tra fumetti, cinema, serie tv, videogame, giochi di ruolo) premi per tutte le categorie (per il miglior fumetto, grafica ed illustrazione, cosplay challenge) e performance live (ecco, a voler fare proprio un appunto quello che manca è un nome di spicco per un mega concerto serale – l’area esterna si presta eccome. E se sembra che stiamo suggerendo Cristina D’Avena in occasione della prossima edizione, la XX, bè si, lo stiamo facendo!)

Photo by Lorena Escalona per Nerd Nation

Continua la lettura di COMICON 2017 – Grande successo con addio a Napoli?

Auguri a tutti i papà!

L’autobus delle 7:30 del mattino, diretto verso la metropolitana, è un microcosmo che viaggia nel travagliato traffico cittadino della capitale. C’è lo studente che, seduto in fondo al mezzo, ripassa su un foglio fitto di appunti evidenziati con colori sgargianti. Il gruppetto di adolescenti che sostano perennemente davanti alla porta d’entrata. Come riescano a stare in piedi mentre digitano con entrambe le mani sul cellulare, per giunta a velocità della luce, per me rimane un mistero. Continua la lettura di Auguri a tutti i papà!

DNA, Il grande libro della vita al Palazzo delle Esposizioni

La Storia, quella con la maiuscola, a volte ha un modo tutto suo di presentarsi agli appuntamenti. Ci sono momenti in cui è in terribile ritardo e chi la attende si vede scivolare la vita di dosso e solo alla fine si convince di aver aspettato invano. È il caso di Gregor Mendel, per esempio, monaco agostiniano in Moravia, destinato a veder riconosciute le proprie scoperte solamente tempo dopo la sua morte.
La mostra DNA – Il grande libro della vita, da Mendel alla genomica (attualmente al Palazzo delle Esposizioni di Roma, fino al 18 giugno), inizia proprio da lì, dal giardino di un monastero e dall’acume di un uomo che volle trovare risposte scientifiche a domande apparentemente banali. Continua la lettura di DNA, Il grande libro della vita al Palazzo delle Esposizioni

Quelli che… non hanno bisogno di correre.

Questo articolo non vuole essere una accusa contro i tempi moderni, bensì, una riflessione. Il titolo recita: “Quelli che non hanno bisogno di correre.” Ora spieghiamo cosa intendiamo dire. Uno dei piaceri maggiori, sia nella lettura, sia nella visione di un’opera cinematografica, per me è quella di attendere che sia l’autore, o il regista, a portarci per mano nella direzione che vuole prendere. Adoro quando una serie tv viene composta da piccoli indizi. JJ Abrams è un artista in questo e le sue opere creano sempre una miriade di domande, anche se spesso rimangono senza risposta. In un documentario lui l’ha chiamato meccanismo da “mistery box” (la famosa scatola con il punto interrogativo e niente altro all’esterno. Dipende da te se aprire e scoprire il contenuto oppure rimanere con le tue ipotesi.)

Continua la lettura di Quelli che… non hanno bisogno di correre.

Parliamo di cultura – Non speculiamo sui morti

Perché è nato Over There

di Simona Ingrassia e Silvia Azzaroli

Da sempre abbiamo improntato la nostra linea editoriale in un modo.

Parlare di cultura.

Cinema, serie tv, arte, letteratura, musica, sport e molto altro.

Anche se non fa moda, anche se non porta tanti soldi.

Ci siamo imposti due regole e vi assicuriamo che non saranno mai trasgredite.

Non parleremo mai di gossip e cronaca nera. Continua la lettura di Parliamo di cultura – Non speculiamo sui morti

GIORNALISTI: CAMBIA L’AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Dal 1° giugno 2016 sono cambiate le regole per la Formazione Professionale Continua di giornalisti e pubblicisti. Il nuovo regolamento razionalizza e semplifica le disposizioni in vigore dal 1° gennaio 2014, con modifiche che hanno accolto esigenze evidenziate nella fase di rodaggio.

Per la prima volta infatti diventava obbligatorio per i giornalisti iscritti all’Albo frequentare dei corsi di aggiornamento, anche (e soprattutto, mi dicevano all’Ordine) per i disoccupati e per chi avesse dichiarato la sospensione momentanea dell’attività e quindi del versamento dei contributi previdenziali obbligatori (possibile per un massimo di tre anni, dopodiché sopravviene la cancellazione dall’Albo). Continua la lettura di GIORNALISTI: CAMBIA L’AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

“Confirmation” e “La giornata contro la violenza sulle donne” – Una riflessione

Oggi e’ la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donneQuesta ricorrenza è stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1999, la data è stata scelta per ricordare il brutale assassinio delle tre sorelle Mirabal, avvenuto il 25 novembre 1960, tre donne coraggiose che si erano opposte al dittatore dominicano Trujillo.
Scoprite la storia di queste donne che non si sono arrese e alle quali dobbiamo questa giornata, dalle parole della figlia/nipote delle tre donne.

Huffington Post

o-mirabal-570