Archivi categoria: recensione

Crescere in Un’invincibile estate, il romanzo di Filippo Nicosia

Quanto è difficile crescere, specie se la vita ti mette davanti delle prove dolorose da superare. E’ quello che accade a Diego, protagonista di Un’invincibile estate di Filippo Nicosia (Giunti Editore).

Continua la lettura di Crescere in Un’invincibile estate, il romanzo di Filippo Nicosia

Diversi ma uguali: La perfezione di due note stonate

Nato da un concorso letterario per giovani autori, indetto da Y Giunti Shift, si è, poi, con gli anni, diffuso tra i lettori riscuotendo un discreto successo. Stiamo parlando di La perfezione di due note stonate, un romanzo collettivo, scritto partendo da una traccia iniziale.

Continua la lettura di Diversi ma uguali: La perfezione di due note stonate

Moonlight Shadow – Un’originale elaborazione del lutto

Questo libro, Moonlight Shadow, che già dal titolo pare rimarcare gli argomenti trattati, mi ha colpito davvero molto per vari motivi.

Tuttavia prima di continuare avviso che vi sono diversi spoiler. Continua la lettura di Moonlight Shadow – Un’originale elaborazione del lutto

Il libro dei Baltimore – Joel Dicker – Recensione

Perché scrivo? Perché i libri sono più forti della vita. Sono la più bella delle rivincite. Sono i testimoni dell’inviolabile muraglia della nostra mente, dell’inespugnabile fortezza della nostra memoria.

Marcus Goldman è uno dei protagonisti di questa storia. Perché dico questo? Semplice perché i protagonisti della storia sono i Goldman e chi ha gravitato attorno a quella famiglia. Tutti.
Continua la lettura di Il libro dei Baltimore – Joel Dicker – Recensione

L’Orologiaio di Filigree Street – Recensione

L’orologiaio di Filigree Street è l’opera prima della scrittrice inglese Natasha Pulley.

Questo libro mi è stato consigliato, fin da subito sia la copertina sia la  trama mi avevano incuriosito.

La scrittrice ci catapulta in una storia che si alterna tra la Londra di fine 800’ sconvolta dagli attacchi terroristici irlandesi e il Giappone. Contornata di mistero, un pizzico di giallo, scienza e qualche elemento magico.

Continua la lettura di L’Orologiaio di Filigree Street – Recensione

#Stranierointerrastraniera di #RobertAHeinlein – Recensione

Robert A. Heinlein è stato uno dei più grandi scrittori di fantascienza, molte delle sue opere sono state saccheggiate dagli autori di film/serie tv e libri moderni e penso che solo chi ama da anni questo genere se ne può accorgere.

Questo romanzo fa parte dell’elenco delle opere di cui sopra ed è veramente complicato recensirlo in quanto le tematiche sono molte e su più livelli.

Fondalmente Straniero in terra Straniera si divide in tue tronconi ma prima vi avviso che da qui in avanti saranno presenti diversi SPOILER. Continua la lettura di #Stranierointerrastraniera di #RobertAHeinlein – Recensione

Miss Marple: Nemesi di Agatha Christie – Recensione

Ho sempre amato Agatha Christie, come ho già avuto di spiegare nella recensione de Il pozzo di Alesund, quindi temo che sarò un po’ di parte nel raccontare questo romanzo.

Ho notato che, malgrado non avesse in mente una vera e propria saga, una sorta di filo conduttore c’è nelle sue storie e purtroppo si deve anche stare attenti a leggerli in ordine di pubblicazione perché se no vi ritroverete a scoprire in anticipo l’assassino o l’assassina.

Sì perché io, a metà libro, mi sono resa conto di avere già letto un libro successivo a questo dove era raccontato, con dovizia di particolari, l’identità del killer.

Prima di continuare avviso che saranno presenti diversi SPOILER ma prometto che cercherò di evitare di svelarvi tale identità. Continua la lettura di Miss Marple: Nemesi di Agatha Christie – Recensione

Morimondo o la voce del Po

Curiose creature gli esseri umani, così ossessionate dal tempo e dal fatto che questo sembri definire il tessuto stesso della realtà. E se qualcosa sfugge a questa classificazione, diviene per esse inconcepibile. Nella prefazione di Morimondo di Rumiz l’editore avverte il lettore che: “ la datazione di questa discesa fluviale ci è ignota. Il manoscritto ci è giunto nelle mani nel 2012 ma non vi sono certezze sui tempi della sua stesura e nemmeno su quelli del viaggio.” Lo sforzo di riuscire a collocare precisamente nel tempo è tale che viene insinuato il dubbio se l’autore abbia davvero fatto quella traversata.
Continua la lettura di Morimondo o la voce del Po