Covid 19 – Intervista ad un’infermiera in prima linea

Covid19 – Infermiera ci racconta la sua battaglia

Intervistiamo oggi un infermiera in prima linea da decenni, non solo per l’attuale emergenza covid, che ci ha chiesto di rimanere anonima, quindi useremo il nome di fantasia che lei ci ha proposto.

Nome che quindi non troverete sul FNOPI.

E’ nostra abitudine, infatti, permettere l’anonimato, se questo permette di tutelare la privacy, la sicurezza e la professione delle persone.

Alcuni infermieri in lotta contro il covid

Buongiorno Mary D. Sagio, prima di tutto grazie di aver accettato l’intervista. Da quanto tempo sei infermiera?

Sono infermiera da oltre 40 anni.

Dove hai lavorato finora?

Ho sempre e solo lavorato nella Sanità Pubblica ( e ne vado orgogliosa), Reparti impegnativi come Terapia Intensiva, 118 e da 15 anni in Igiene e Sanità pubblica. Ho sempre frequentato e continuo a formarmi con corsi ECM e corsi che pago di tasca mia.

L’emergenza Covid ha fiaccato il nostro personale sanitario

 

L’emergenza Covid ha fiaccato la nostra sanità. Vi chiamano eroi ma poi vi trattano a pesci in faccia.

Dire che l’emergenza Covid ci ha fiaccato è un eufemismo. Ma lo abbiamo fatto per professionalità e dignità. Ci siamo allontanati per mesi da famiglie, cari e congiunti, dai nostri figli ( il nostro bene più prezioso) pur di non rischiare di metterli in pericolo.

Sei in grado di dirmi quanti straordinari hai fatto?

Tamponi per il covid?
Personalmente ho fatto circa 1800 tamponi, negli spazi adibiti, ai domicili di quarantenati, paucisintomatici, casa di riposo etc. Indossando DPI che ti costringevano dolorosamente il viso fino ad arrivare alle famose “stigmate”. Ma il peggio era non poter fare la pipì anche per 12 ore di fila! E giù cistiti da ritenzione e Monuril a kili! Parenti disperati che non hanno potuto vedere né tenere la mano ai loro cari ( mogli, mariti, figli) nemmeno al momento finale

E quanti malati di covid?

Nella mia realtà circa 6000 pazienti e per fortuna pochi morti ..circa 200.

Alcuni infermieri salutano durante una pausa nella lotta al Covid

Sappiamo che vi hanno dato un misero premio Covid…

Quanto ammonta?

Premi Covid? Nella busta paga del mese di Aprile chi aveva lavorato tutti i giorni si è ritrovato i 100 euro promessi dal Governo. Chi non ha potuto, per problemi personali, malattie etc si è trovato cifre che variavano da 20-30- 47- 52….io ne ho presi 55!

In compenso i coordinatori infermieristici e medici buste paga da capogiro il mio coordinatore inf. 6000 euro. Alcuni colleghi/e scelti/e accuratamente dal coordinatore. Anche 4500 euro. Ecco la misera realtà degli #eroi Dimenticati

Covid – L’emergenza continua

Sappiamo che siete in sciopero. Spiegaci i motivi.

Ma finalmente pare che, da buon branco di pecore quali siamo stati finora sia giunta l’ora di alzare la testa ed entrare in sciopero. Decideremo a breve il momento giusto…e vedremo quanto restano in piedi gli ospedali senza gli infermieri. Ci precettino pure….ma la precettazione vale solo per le urgenze emergenze. Per tutto il resto braccia e anche gambe incrociate questa volta!

Chiediamo solo rispetto e un adeguamento di stipendio degno del lavoro che svolgiamo…e il rinnovo di un contratto che l’ultima volta ci ha offerto 10 vergognosi euro.

Grazie Mary!

Ultime novità dal governo sul covid

Liked it? Take a second to support Silvia Azzaroli on Patreon!
Silvia Azzaroli

Sono una scrittrice perché quando scrivo mi sento viva e posso visitare nuovi mondi e nuove terre.

Amo la fantascienza, che per me è il genere per eccellenza ma apprezzo anche i noir, i romanzi storici e il fantasy;

Amo il cinema la cosidetta settima arte: Star Wars, Prima dell'Alba, Blade Runner, Lost in Translation, Her, Marie Antoinette, Pane e Tulipani, Gattaca, Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo, Lady Hawke, Eternal Sunshine of Spotless Mind, Love Actually, Leon, Il signore degli anelli, La storia fantastica, Grand Budapest Hotel, Picnic ad Hanging Rock, Fino alla fine del mondo, il cielo sopra Berlino, Marie Antoinette, Arrival, l'Erba di Grace, Questione di Tempo, Lo chiamavano Jeeg Robot, Dopo Mezzanotte;

Le serie tv: in particolare Fringe, Twin Peaks, X-Files, Person of Interest, Doctor Who, The Expanse, 12 Monkeys, Broadchurch, Peaky Blinders, E.R., Friends, Quantum Leap, Battlestar Galactica, Fleabag, New Amsterdam, Call the Midwife;

la letteratura: Daniel Pennac, Jane Austen, Banana Yoshimoto, Ray Bradbury, Isaac Asimov, Robert Heinlein, Arthur Clarke, Agatha Christie, Paolo Rumiz, Baudelaire, Ungaretti, Manzoni, Petrarca, Marcela Serrano, J.R.R. Tolkien, Robert Silverberg, Daniel Pennac, Leigh Brackett, Murakami, Leigh Brackett, Etty Hillesum, Virginia Woolf, Laura Intino;

i mici, la musica, il tennis (King Roger Federer), la pallavolo(indimenticabile la nazionale di Velasco, Bernardi, Zorzi, ecc), il pattinaggio e molto altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *