Montalbano, di persona personalmente…

[amazon_link asins=’B0743NX8XZ’ template=’ProductAd’ store=’ovethe-21′ marketplace=’IT’ link_id=’496df6f3-142c-11e8-bd6e-4d3d980d775d’]

Luca Zingaretti, proprio lui “di persona personalmente”, veste nuovamente i panni del commissario Salvatore Montalbano in due episodi nuovi di zecca, diretti da Alberto Sironi: La giostra degli scambi e Amore.
Il primo, trasmesso in prima serata il 12 febbraio 2018 su Rai Uno e tratto dall’omonimo romanzo di Andrea Camilleri è trainato dal brano struggente “Nuddu è di nuddu (e nuddu m’avi) di Olivia Sellerio.
Montalbano indaga sull’incendio doloso di un negozio di elettronica e la scomparsa del relativo proprietario: Marcello di Carlo. Amico di quest’ultimo è Giorgio Bonfiglio, scapolo impenitente interpretato dal bravissimo Fabrizio Bentivoglio, che per l’occasione sfoggia un accento siculo di tutto rispetto, mai forzato. Un rapitore, inoltre, sequestra alcune ragazze per poi rilasciarle. Sembra non ci sia una logica dietro questi rapimenti-lampo, ma pian piano il commissario si fa “persuaso” che ci siano dei collegamenti fra gli avvenimenti sopra citati.

Senza voler screditare minimamente la trama, il rinnovato consenso di pubblico (oltre 11 milioni di spettatori, con uno share del 45.1%) credo sia da attribuire in maniera preponderante al “teatrino” che ruota intorno alle vicende; termine utilizzato, nel caso specifico, con un’accezione estremamente positiva. Dagli esilaranti Sketch tra Salvo e l’agente Agatino Catarella (Angelo Russo) ai battibecchi con l’amico fraterno Domenico Augello, detto Mimì (Cesare Bocci) con cui collabora e a cui rimprovera di essere un incallito “fimminaro”. Già proprio lui, concedetemelo: un vero e proprio paradosso! Irresistibile la scena il cui Montalbano fatica a complimentarsi con lui.
Salvatore Montalbano: “Sei stato bravo..”
Mimì Augello: “Non ti sforzare, sia mai ti venisse un’ernia..!”

Nessuna donna in questo nuovo episodio, però, circuisce il nostro commissario, il quale per la prima volta non si irrita per il consueto “già fatto” dell’ispettore Giuseppe Fazio (Peppino Mazzotta).
E Adelina (Ketty Governali)? Collaboratrice domestica e cuoca eccezionale, continua a deliziare Montalbano e i suoi colleghi con le sue prelibatezze, fra cui la rinomata pasta “‘ncasciata”! Stavolta la ritroviamo a dare padellate ad uno sconosciuto, temendo in seguito di avergli provocato danni cerebrali! Fortunatamente trova nel commissario un alleato o meglio un abile avvocato che risolve la “faccenda”.
Invisibile, ma presente o meglio evocato è lo scorbutico dal cuore tenero dottor Pasquano “incazzatissimo perché gli chiudono un mese la sala poker”. Interpretato da Marcello Perracchia, venuto a mancare l’estate scorsa, sembra di vederlo ancora lì, irritato perché il commissario gli rompe i “cabbasisi!

Non ci resta che attendere la seconda puntata (Amore), che andrà in onda lunedì 19 febbraio. Il commissario indagherà sulla scomparsa di Michela, giovane donna dal passato difficile; al contempo si ritroverà a riflettere sul suo rapporto con Livia (Sonia Bergamasco), l’eterna fidanzata.

Liked it? Take a second to support Over There on Patreon!
Over There

Serie tv, Cinema, Teatro, Musica, Letteratura, fumetti!
Tutto ciò che fa cultura a portata di click!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *