IL GRANDE FOLCLORE A LUGANO 2: CELTIC LEGENDS

Continua a febbraio la serie di fantastici galà di danze dal mondo al Palazzo dei Congressi di Lugano, una bellissima location comoda da raggiungere soprattutto per chi abita in Italia nelle province di Como o Varese (ma organizzandosi ci si arriva in tempo accettabile anche da Sondrio, Milano e Monza-Brianza). Si può parcheggiare nel silos del Centro, oppure in zona Cassarate (ampio parcheggio a pagamento e varie zone circostanti che sono gratuite la sera) raggiungendo l’auditorium a piedi in dieci minuti dirigendosi verso il centro città.

Dopo i Cosacchi in scena a Natale, sarà la volta di “Celtic Legends”, compagnia internazionale di 30 ballerini accompagnati da una scatenata band con musica dal vivo.

Per Lugano è un gradito ritorno, perché Celtic Legends vi aveva già fatto tappa nel dicembre 2016 con buon successo (anche se non il tutto esaurito come avrebbe meritato).

All’epoca ero presente, gentilmente invitata dall’organizzazione e cioè TeatroSulLago, che propone altri spettacoli teatrali di prosa ed eventi per bambini sia in Svizzera sia in Italia: durante la presente stagione ad esempio hanno in calendario per i più piccoli “Neznaika e i suoi amici” basato su un racconto di Nikolay Nosov (il 14 gennaio doppio spettacolo al Teatro Blu di Milano e il 15 alla Sala Multiuso di Lugano Paradiso) e le bambole giganti di Puppazia Show in “Le Quattro Stagioni” (il 26 febbraio a Milano e il 28 al Teatro Cinema di Chiasso), entrambi legati al folclore russo, come lo sarà anche il terzo e ultimo galà di danza a marzo.

Ma torniamo a Celtic Legends. Due ore che passano in un attimo sulle tipiche musiche irlandesi, alcune scatenate, altre romantiche e struggenti. Il palco lineare, la scenografia creata dalle luci che piovevano dall’alto componendo inizialmente la bandiera irlandese con le tre bande verticali verde, bianco, arancio. Chi si aspettava i costumi coloratissimi ed esagerati che si è soliti vedere nelle competizioni di danza sarà rimasto spiazzato: gli abiti erano molto sobri ed eleganti, colore base il nero con decorazioni argento iridescente che sotto i fari scambiavano tonalità apparendo sempre diversi. Ai trascinanti numeri di danza coreografati da Jacintha Sharpe (che è anche la prima ballerina) si alternavano i brani solo musicali, con o senza canto, introdotti dal direttore musicale e performer Sean McCarthy; “scaldando” la fredda serata dicembrina, con la sua simpatia Sean riusciva a coinvolgere il pubblico anche in giochi ritmici e in divertenti botta e risposta, anche se qualche spiegazione in italiano avrebbe permesso di meglio seguire le storie narrate nello show.

Al termine i ballerini si sono prestati al rito delle foto nel foyer autografando i loro cd in vendita (niente video purtroppo).

La compagnia è nata a Galway nel 2001, rivisita musiche tradizionali e impiega anche strumenti tradizionali, come le Uilleann pipes o il Bodhràn, e in questi sedici anni ha fatto assaggiare il sapore d’Irlanda a un milione di spettatori in tutto il mondo. Negli ultimissimi mesi ha toccato Canada, Belgio, Germania e nientemeno che… Casablanca (doppio spettacolo con tutto esaurito), ma dopo la pausa natalizia avvierà una lunghissima tournée in Francia, inframmezzata da sei tappe svizzere di cui la prima appunto a Lugano il 22 febbraio alle 20.30.

lo scorso anno a Lugano

Quest’anno la compagnia però si presenta con uno spettacolo NUOVO rispetto a quanto visto un anno fa; ancora non si sa se ad aprire lo show sarà, come lo scorso dicembre, il corpo di ballo dell’Accademia di Danze Irlandesi Gens d’Ys, la maggiore realtà di questo genere in Italia con una trentina di sedi in Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia, Marche, Toscana e Sicilia… ma di loro avremo ancora occasione di parlare.

Biglietti: dai 40 ai 120 franchi svizzeri a seconda delle categorie di posti (tutti comunque confortevoli e con visibilità dell’intero palco) e con l’offerta VIP che comprende i posti migliori, gadget, e coppa di prosecco nel backstage con gli artisti. E’ pure possibile organizzare in quell’occasione una serata aziendale con cena o aperitivo seguiti dallo spettacolo (info: show@teatrosullago.net oppure per prenotare solo lo show per gruppi con riduzione info@teatrosullago.net).

Per saperne di più sulla compagnia, il sito ufficiale è Celtic Legends

gli autografi nel foyer

Salva

Liked it? Take a second to support Gigliola Foglia on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *