Risate e verità ne I Frustrati di Marco Leoni Mantovani

Essere o apparire? Ecco il dilemma dei nostri tempi protagonista di un ironico e piacevole libro: I Frustrati di Marco Leoni Mantovani. Il personaggio principale è Matteo Fumagalli, un impiegato continuamente teso alla ricerca di qualcosa di diverso nella sua vita troppo ordinaria, troppo comune.


Non è soddisfatto di come vive, odia tutto e tutti: il suo lavoro, i colleghi, i vicini di casa. Non ama nemmeno se stesso e si isola, creandosi una vita ideale in cui tutto è perfetto. Fortunatamente, viene aiutato da uno psicanalista, Carlo Villa, e da una guaritrice New Age, sua amica, Paola: sono loro a rimetterlo nella giusta direzione e a consentirgli di intraprendere un percorso evolutivo importante.

Ecco, allora, che Matteo decide di aiutare i pazienti di Carlo ognuno con vari disturbi del comportamento che rasentano la follia. Attraverso una serie di peripezie, Matteo trova la sua fuga dalla normalità e il suo posto nel mondo.

Il sottotitolo del libro è Un po’ romanzo, un po’ commedia e, in effetti, si tratta di una storia arguta, ironica, un mix tra realtà e fantasia in cui il protagonista incarna qualcosa di tutti noi quando desideriamo di più dalla vita. Matteo è nevrotico, insicuro, pieno di paure, cinismo, crisi esistenziali, manie e fobie, è insoddisfatto di tutto ciò che lo circonda al punto da scegliere di isolarsi nel suo mondo. “La pazienza non è mai stata una mia grande virtù: fin da bambino ho ideato progetti e lottato per emergere dal fango dal quale provengo; questo mi ha alquanto indurito, costantemente proiettato verso la ricerca del lato pratico della vita“.

Come scritto giustamente nella prefazione dal prof. Viacava, in questo libro ogni personaggio indossa una maschera, così come noi tutti nella vita reale. L’argomento, infatti, è molto vero e attuale: la frustrazione, l’isolamento e la mancanza di autostima affliggono tante persone che maturano rabbia o, per meglio dire, odio e livore verso il mondo circostante. Non si può rimanere soli in queste condizioni, è necessario un aiuto e, per fortuna, arriva anche per Matteo. Ecco il messaggio trasmesso da Mantovani: l’importanza del sostegno dei familiari, amici e amori diventa fondamentale. E’ così che Matteo raggiunge una consapevolezza della vita, si apre al prossimo e gli dona il suo aiuto.

Lo stile è graffiante e ironico, a tratti ilare e con un’ottima caratterizzazione dei personaggi. L’insieme determina una visione della realtà dipinta con i colori del buon umore. Un libro per niente banale.

Marco Leoni Mantovani è nato a Milano dove ha vissuto diversi anni, prima di trasferirsi sul lago di Como. Ha già all’attivo altri romanzi, scritti, però, in qualità di ghost writer. E’ alla costante ricerca della perfezione insita nell’uomo che lo spinge a competere e primeggiare.

Salva

Liked it? Take a second to support Lidia Lyn on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *