Stefano Benni, la bottiglia magica, la recensione

Chi ha detto che non si possa fare critica sociale e, nello stesso tempo, raccontare una storia che, solo formalmente, sembra una storia per ragazzi? La forza narrativa di Benni non ha confini e utilizza, oltre alla sua ben nota capacità narrativa, anche il linguaggio dei fumetti. Parola scritta e immagine diventano un tutt’uno che trascina il lettore dalla prima all’ultima pagina, strappandogli talvolta delle belle risate ma anche portandolo a fare delle significative riflessioni.

Continua la lettura di Stefano Benni, la bottiglia magica, la recensione

Auguri a tutti i papà!

L’autobus delle 7:30 del mattino, diretto verso la metropolitana, è un microcosmo che viaggia nel travagliato traffico cittadino della capitale. C’è lo studente che, seduto in fondo al mezzo, ripassa su un foglio fitto di appunti evidenziati con colori sgargianti. Il gruppetto di adolescenti che sostano perennemente davanti alla porta d’entrata. Come riescano a stare in piedi mentre digitano con entrambe le mani sul cellulare, per giunta a velocità della luce, per me rimane un mistero. Continua la lettura di Auguri a tutti i papà!

Paterson di Jim Jarmusch – la nostra recensione

Non conosciamo molto bene il cinema di Jim Jarmusch, ma possiamo dire che questo film ci ha fatto venire voglia di scoprire il resto della sua filmografia.
Per alcuni detrattori Paterson non racconta nulla.
In effetti, tecnicamente è così.
Non racconta nulla di speciale.
Entriamo in punta di piedi in una settimana di un uomo e di una donna, sposati da poco, innamoratissimi, che vivono in una piccola casa di periferia a Paterson, altrettanto minuscola cittadina del New Jersey.
Continua la lettura di Paterson di Jim Jarmusch – la nostra recensione

Black Sails 4×07: XXXV

Black Sails 4×07: XXXV è un episodio di pausa dai combattimenti e dalla conseguente mattanza dei protagonisti in cui si prospettano quelli che forse saranno gli schieramenti finali.
Che è successo nell’episodio
Rackham e Max giunti a Boston fanno la loro proposta al nonno di Eleanor, solo per scoprire che in realtà le cose in famiglia le dirige la donna, tutte donne formidabili nella famiglia Guthrie. La donna accetta solo a patto che Rackham uccida Flint. Flint e Silver arrivano quasi ai ferri corti quando giunge la proposta del governatore di restituire Madi che è sopravvissuta (mi piacerebbe sapere come) in cambio del tesoro. Quello che loro non sanno è che la strategia al governatore è stata suggerita (lui non aveva idea di chi fosse Madi e quanto contasse per Silver) da Billy, sempre più consumato da odio e sete di vendetta. Flint appoggiato dalla madre di Madi riesce a convincere Silver che cedere non è un’opzione, meglio tentare una disperata sortita per liberarla.
Recensione
Black-sails-rackham
Come ho detto gli schieramenti finali sembrano fatti, tre fazioni: il governatore Rogers odiato dalle altre con Billy come informatore; l’alleanza schiavi pirati con Flint-Silver-Madi e gli schiavi di Julius; Rackham e Max con alle spalle i Guthrie, la seconda e la terza sono accomunate solo dalla volontà di eliminare Rogers, ma Flint e Silver vogliono una rivoluzione mentre Rackham e Max sono molto più realisti. Inoltre come ho scritto Rackham per fare affari coi Guthrie, che possono comprarsi i debiti di Rogers e distruggerlo senza sparare un colpo, deve uccidere Flint.
I dubbi che mi sorgono riguardano quel che sappiamo da “L’isola del tesoro”, ribadisco che non l’ho letto, ma mi risulta che Billy e Silver siano nel libro e di Flint si dice che è morto ma poco tempo prima.
Come diavolo ci arriveremo? Come possono sopravvivere sia Billy che Silver e ritrovarsi in una spedizione insieme?

Per quel che riguarda il commento a quanto visto nell’episodio devo dire ancora una volta che non sbagliano un casting o un personaggio, mi è piaciuto parecchio Julius “nessuno cambia il mondo, non tutto in una volta, il mondo è troppo forte per quello” un altro che dovrebbe essere analfabeta ed invece è un filosofo, ma chi se ne importa mi sono già espresso su come mi pongo rispetto a questo.

A Billy nella scorsa recensione avevo fatto i complimenti per il carattere anche se supponevo che fosse più odio che coraggio, avevo ragione, è davvero divorato dall’odio non gli è rimasto altro.

black-sails-woodes-rogersPer il resto ci sarebbe da sottolineare come al solito quasi tutti i dialoghi sempre ben scritti e superbamente recitati, da Rackham con Madame Guthrie, a quello iniziale tra Silver e la madre di Madi in cui lui sente giusto dirle quello che c’era tra lui e la figlia (quando ancora pensavano fosse morta) e ancora quello tra Julius e la madre di Madi a cui ho già accennato parlando del leader degli schiavi fuggiti, solo per citare quelli che più mi sono rimasti impressi.

Ma soprattutto voglio sottolineare la grandezza del solito Rackham quando dice alla giovane dama di lasciar stare i giornali con le loro fandonie sui pirati e prendere un libro (anche se l’amara risposta è che la verità non è interessante come le storie) e l’ottima prova di Luke Roberts (Woodes Rogers) personaggio odioso ma ottimo attore pure lui, nelle scene della veglia del cadavere di Eleanor.

Black Sails 4×06: XXXIV

Se volessi dare un titolo a questa Black Sails 4×06: XXXIV sarebbe: la mattanza continua, non posso dire che la cosa mi sconvolga più di tanto perchè ho sempre avuto presente che la fine della serie sarebbe dovuta essere una mattanza dei protagonisti. A meno che non la trasformassero in una serie distopica ambientata in una realtà parallela in cui la pirateria ha vinto e i Caraibi non sono mai stati normalizzati.

Che è successo nell’episodio Continua la lettura di Black Sails 4×06: XXXIV

DNA, Il grande libro della vita al Palazzo delle Esposizioni

La Storia, quella con la maiuscola, a volte ha un modo tutto suo di presentarsi agli appuntamenti. Ci sono momenti in cui è in terribile ritardo e chi la attende si vede scivolare la vita di dosso e solo alla fine si convince di aver aspettato invano. È il caso di Gregor Mendel, per esempio, monaco agostiniano in Moravia, destinato a veder riconosciute le proprie scoperte solamente tempo dopo la sua morte.
La mostra DNA – Il grande libro della vita, da Mendel alla genomica (attualmente al Palazzo delle Esposizioni di Roma, fino al 18 giugno), inizia proprio da lì, dal giardino di un monastero e dall’acume di un uomo che volle trovare risposte scientifiche a domande apparentemente banali. Continua la lettura di DNA, Il grande libro della vita al Palazzo delle Esposizioni

Arrival e l’importanza delle parole: la recensione

Abbiamo tutta una serie di idee riguardo ad Arrival di Denis Villeneuve e cercheremo di buttarle giù man mano come ci vengono.
Se si volesse riassumere e sminuire il film si potrebbe dire che è il classico film in cui arrivano gli alieni e gli esseri umani, queste piccole creature che temono sempre lo scenario peggiore, cercano di trovare un modo per comunicare e porre le questioni che li attanagliano. Vengono in pace? Vengono per assoggettare e sterminare la razza umana? In realtà il film è molto altro, molto più profondo perché mette mano nel cuore stesso dell’umanità.

Prima di continuare avvisiamo che vi saranno pesanti SPOILER da qui in avanti…
Continua la lettura di Arrival e l’importanza delle parole: la recensione

Black Sails 4×04: XXXII

Sarò brevissimo nel commentare questo Black Sails 4×04: XXXII, perchè mi preme commentare solo una cosa, vi siete accorti vero che forse ci hanno spiegato come finirà la serie (per Flint) ? O forse ci stanno trollando … Continua la lettura di Black Sails 4×04: XXXII

Quelli che… non hanno bisogno di correre.

Questo articolo non vuole essere una accusa contro i tempi moderni, bensì, una riflessione. Il titolo recita: “Quelli che non hanno bisogno di correre.” Ora spieghiamo cosa intendiamo dire. Uno dei piaceri maggiori, sia nella lettura, sia nella visione di un’opera cinematografica, per me è quella di attendere che sia l’autore, o il regista, a portarci per mano nella direzione che vuole prendere. Adoro quando una serie tv viene composta da piccoli indizi. JJ Abrams è un artista in questo e le sue opere creano sempre una miriade di domande, anche se spesso rimangono senza risposta. In un documentario lui l’ha chiamato meccanismo da “mistery box” (la famosa scatola con il punto interrogativo e niente altro all’esterno. Dipende da te se aprire e scoprire il contenuto oppure rimanere con le tue ipotesi.)

Continua la lettura di Quelli che… non hanno bisogno di correre.

La cultura al vostro servizio