salem-la-furia-di-isaac

Salem 2×11: On Earth as in Hell

Si continua con lo stesso buon andamento degli ultimi episodi, nel commento a questo Salem 2×11: On Earth as in Hell forse riusciremo ad essere meno prolissi del solito, ci è piaciuto parecchio. Punto, Finita la recensione. A parte gli scherzi, quando non ci sono vere critiche da fare si fa presto.
Anche raccontare l’episodio non è difficile, avevamo lasciato Mary arrestata, la ritroviamo alla gogna (letteralmente), avevamo lasciato Cotton e John Alden col piccolo John jr. in versione Regan de l’esorcista, buona parte dell’episodio è occupato dal tentativo di esorcizzare il diavolo dal figlio di John e Mary, riesce solo in parte, non lo liberano, ma gli ridanno un po’ di controllo su se stesso.
salem-john-jrCome ampiamente prevedibile durante l’esorcismo Cotton apprende dal diavolo che il padre aveva ragione su Mary, quindi lui l’ha ucciso per difendere una strega, inutile dire che non la prende proprio bene bene.
In seguito Mary viene liberata per volere della contessa Von Marburg, non ci è molto chiara la logica di questi passaggi, prima l’ha voluta imprigionata, che fosse umiliata e perdesse il suo potere nella comunità, poi la fa liberare, ci sembra di aver capito che non può ucciderla perchè dal momento che ha iniziato lei (Mary) il Grande Rito questo può essere ultimato solo mentre lei è in vita, ma visto che Hathorne esegue tutto quello che la contessa chiede non sarebbe più comodo lasciare Mary imprigionata e fuori dalle scatole ma con l’ordine che rimanga in vita?
Altro punto importante dell’episodio il litigio tra Sebastian e la madre, non credevamo avesse il coraggio di affrontarla così, avevamo visto giusto, non è un senza palle come qualcuno credeva. Sebastian nell’episodio affronta ed accoltella John Alden (non crediamo però che il gorilla morirà) , ovviamente vince lo scontro grazie alla magia, ma non la vediamo come una scorrettezza o un trucco (anche se lui stesso sembra vederla così “non ti fidare di una strega”) già è tanto che avesse detto ai suoi uomini di non intervenire nella sfida, è chiaro che non può competere a suon di muscoli con John Alden, se nello scontro non avesse usato la magia uno scontro fisico tra lui e John Alden per quale mente malata sarebbe stato uno scontro leale?
A fine episodio, mentre la contessa von Marburg insegue Cotton e John jr.  nella foresta, questi incontrano Anne che prende con se il ragazzo mentre Cotton torna ad aiutare John, Si ha l’impressione abbastanza palese che Anne che ha saputo la verità sul ragazzo da Mary , abbia dei piani su di lui che non siano affatto il tenerlo al sicuro e tanto meno di liberarlo dal demonio.
Considerazioni veloci sparse: ma Tituba? ma Marcy? se le sono dimenticate? e allora perchè abbiamo scritto che non abbiamo critiche da fare? Semplice perchè se gli autori si sono accorti che avevano troppi personaggi da gestire fare l’ammucchiata è inutile e controproducente, certo a loro carico si può imputare che creare un personaggio e poi renderlo inutile non è il massimo per un autore, ma una volta che se ne è accorto sfanculizzarlo e accantonarlo è male minore rispetto a tenerlo tra i piedi a zavorrare gli episodi.
Cosa abbiamo apprezzato di più nell’episodio?
L’esorcismo è stato niente male, l’idea che Anne abbia finalmente abbracciato l’idea di essere una strega e che i Puritani sono nemici la apprezziamo, specialmente se abbiamo visto giusto sulla scena finale, abbiamo apprezzato ancora una volta Sebastian.
Cosa non abbiamo apprezzato particolarmente: John all’inizio dell’esorcismo si comportava di nuovo da gorilla ottuso intralciando il lavoro di Cotton, ma mai come in questo caso, essendoci un figlio di mezzo ci sentiamo di essere indulgenti.
L’esorcismo lo finisce John, si appella al figlio ed è il ragazzo con la sua volontà ad espellere un po’ di male da se e ricacciare il diavolo in un angolo, l’abbiamo trovato un sentimentalismo inutile e di bassa lega.
salem-isaac-piange-dollieInvece, a dimostrazione che il buonismo non ci piace, ma non siamo contro tutto quello che è buono, il vero protagonista dell’episodio per noi  è stato il buon semplice Isaac, l’abbiamo adorato quando era alla gogna accanto a Mary, si anche noi amiamo Mary e non avendo l’animo delle pecore avremmo dato l’anima al diavolo per vendicarci come ha fatto lei, quindi direte voi che diritto ha Isaac di giudicarla? Isaac ha tutti i diritti, è l’unico in tutto il telefilm ad avere questo diritto, come eloquentemente aveva buttato in faccia  ai bravi puritani di Salem nella loro chiesa, deponendo il cadavere della sua Dollie, l’unico peccato della vita di Isaac è stato il peccato dell’amore, che può essere un peccato solo per le menti malate dei Puritani. Certo a proposito della suddetta scena si potrebbe dire che è uno stupido, va in chiesa fa la sua sparata si prende una botta in faccia dall’odioso Hathorne e finisce alla gogna, mossa non furba, no? Ma in realtà, anche se loro non capiranno mai, tutto quello che aveva da fare l’ha fatto, buttare loro in faccia che feccia siano;  vendicarsi con la violenza non se ne parla, Isaac è troppo buono per quello, sopravvivere? scappare? per cosa? Non gli è rimasto nulla. Non il suo primo amore, non la sua Dollie, non gli unici due amici che abbia mai avuto: Mary Sibley e John Alden. Abbiamo espresso più volte la ferma convinzione che Salem non vuole altro che essere divertimento di grana grossa, eppure qui e là ci ha regalato sprazzi di critiche feroci agli odiosi Puritani, in questo episodio, Isaac ha bacchettato pure Mary ricordandole che c’è sempre la possibilità di scegliere, anche se poi la sua rabbia maggiore va verso i Puritani.
salem-isaac-e-dollieMai amato Forrest Gump, non siamo per l’esaltazione dei poveri di spirito, anche se è tutto da dimostrare che Isaac sia tonto fino a quel punto,  ma a parte questo abbiamo trovato che la figura di Isaac in questo episodio abbia raggiunto vette insospettate, una superiorità morale sia sui Puritani che sulle streghe che se esistesse un Dio nell’universo narrativo di Salem dovrebbe mandare giù un angelo in tenuta da combattimento, che sollevi Isaac e gli dica: tu sei troppo buono per farlo e per questo Dio ti ama, ma ha mandato me a fare il mazzo a tutti per tuo conto.

Liked it? Take a second to support Roberto Fringie on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *