Se permettete, parliamo di Metal…

Se permettete, parliamo di Metal…

 

No, non gli elementi della Tavola Periodica.

Di quelli magari parlerò in un futuro articolo, dato che la metallurgia è una mia passione e so che tutti qui non vedono l’ora di leggere delle applicazioni e caratteristiche degli acciai austenitici.

Ma per stavolta parliamo invece del Metal, il genere musicale.

Di Metal in Italia si è sempre parlato pochino.

Difficilissimo sentirlo in radio ed anche quando capitava erano quasi sempre i consueti Metallica, Van Halen, al limite i Motorhead.

Giusto la benemerita RockFM, nel programma “Hard ‘n Heavy”, spaziava di più.

Molti in Italia, me compreso, hanno conosciuto certi generi di Metal, come l’Epic, il Power ed il Symphonic, grazie a RockFM.

Ma a parte questa notevole eccezione il Metal è sempre stato visto come qualcosa di “estraneo” alla cultura musicale italiana e questo fa sì che il pubblico in generale non conosca affatto il genere se non per stereotipi e luoghi comuni.

Spesso si sente dire che il Metal è “frastuono” e “canzoni tutte uguali”; viene considerata musica “misogina” e “maschilista” come minimo, se non direttamente violenta e perfino nazista.

In generale anche tra musicisti c’è scarsissima considerazione per le doti tecniche e compositive degli artisti Metal. Eppure…
Eppure, se qualcosa di quanto detto sopra poteva essere vero e magari esserlo tuttora, in certi casi specifici, basta liberarsi dai pregiudizi e provare ad ascoltare qualche brano di certe band per scoprire un universo tutto nuovo.

Ci sono interi sottogeneri del Metal che contraddicono in pieno tutti i pregiudizi classici.

Ad esempio nel Power Metal e nel Symphonic Metal, ovvero i generi che chi scrive segue con più interesse, troviamo composizioni che rivaleggiano con le più celebri opere sinfoniche (e, non di rado, le band Symphonic Metal registrano i propri brani con la collaborazione di orchestre sinfoniche) e testi di profonda introspezione.

In questi generi del Metal è forte la presenza femminile e molte delle band più famose hanno cantanti donne – cantanti che spesso hanno grandi doti liriche ed anni di studi di canto alle spalle: i Within Temptation, gli Epica, gli immensi Nightwish, gli Arch Enemy sono solo alcuni esempi.

E visto che accenno ai Nightwish, una delle mie band preferite, ecco un esempio di ciò di cui parlo: la meravigliosa “Ghost Love Score” eseguita dal vivo nel 2013 a Wacken:

E’ un brano che faccio ascoltare spesso a chi non sa nulla di metal, le reazioni che suscita sono quasi sempre molto soddisfacenti.

Anzi, è diventato un mio passatempo andare a cercare i “reaction video” a questo brano soprattutto realizzati da critici musicali o musicisti di altri generi.

Più spesso che no l’aperto scetticismo iniziale viene rapidamente rimpiazzato da stupore e meraviglia – ed il finale della canzone riesce a ‘stendere’ anche i più ostinati.

Nightwish sito ufficiale

Insomma, la scena del Metal mondiale è varia, composita ed attiva.

Ed in Italia? In Italia come dicevo il genere non è mai stato ben considerato dai media mainstream. Tuttavia anche nel nostro Paese esiste, e non da poco, una scena metal.

I nostrani Rhapsody of Fire (noti in precedenza come Rhapsody) hanno avuto buon successo in tutta Europa con il loro sound epico ed elaborato; i Lacuna Coil sono stati una delle prime band metal con voce femminile e, negli anni ’90 e ’00, hanno conosciuto grande popolarità anche oltreoceano.

Rhapsody of Fire Sito ufficiale

Lacuna Coil Sito Ufficiale

Oltre a queste ‘vecchie glorie’, poi, esiste un’intera galassia di artisti e band emergenti che, sebbene poco citate dai media, portano avanti i propri percorsi artistici e musicali, pubblicano album, suonano a serate e concerti e partecipano a festival dedicati esclusivamente alle varie sfumature del Metal.

Di seguito ho quindi pensato di fare cosa gradita mostrando una breve e sintetica carrellata di alcune di queste band.

Per motivi di spazio e tempo ho purtroppo dovuto fare una selezione, andando a conoscenza e gusto personali – ma mi auguro, se ci sarà interesse, di poter scrivere altri articoli sull’argomento mostrandovi altri artisti e approfondendo la conoscenza di alcuni di loro, magari anche con qualche intervista.

Quindi? Quindi senza ulteriori indugi andiamo a vedere.

FROZEN CROWN

Band fondata nel 2018 a Milano su input della casa discografica Scarlet Records abbinando testi e musiche di Federico Mondelli alla voce graffiante di Giada “Jade” Etro.

La band conta la presenza, come seconda chitarra, della giovane e grintosissima Talia Bellazecca, Filippo Zavattari al basso e Alberto Mezzanotte alla batteria.

Ad oggi hanno pubblicato due album, “The Fallen King” nel 2018 e “Crowned in Frost” nel 2019.

I Frozen Crown hanno un sound veloce ed intenso con una fortissima base ritmica.

Come stile li colloco tra il Symphonic e il Power Metal con evidenti influenze celtiche in molte canzoni (tipo la bellissima “Shieldmaiden”).

L’effetto corale delle voci di Giada e Federico è particolare e gradevolissimo, anche se Federico si concede ogni tanto qualche passaggio decisamente growl.

Nel 2019 hanno fatto da opening act per 13 date del tour della band inglese “Dragonforce”, nonché un tour in Giappone.

Frozen Crown Pagina Facebook

Frozen Crown sito ufficiale

Dragonforce sito ufficiale

DEGREES OF TRUTH

Band varesina/milanese, formata nel 2014 dal tastierista e compositore Gianluca Parmisari.

I Degrees of Truth hanno un sound molto particolare, combinazione di Symphonic Metal e Progressive.

All’attivo due album: “The Reins of Life”, del 2016, e “Time Travel Artifact”, del 2019.

E proprio la fine del 2019 ha visto un’importantissima evoluzione della line up della band, con l’arrivo della nuova cantante Claudia Beltrame.

Claudia Beltrame è una cantante di lunga esperienza e dalla solida formazione che da tempo mostra le sue doti nei Wishmasters, una band tributo dei Nightwish.

Chi ha avuto modo di sentirla paragona spesso favorevolmente la sua voce a quella delle celebri Tarja Turunen e Simone Simons.

Benché l’emergenza globale di questo 2020 abbia costretto la band a bloccare quasi del tutto le proprie attività, le prime esibizioni con la nuova cantante hanno decisamente bene impressionato e sarà interessante vedere come la sua presenza influenzerà l’evolvere della band.

Degrees of Truth Sito ufficiale

Wishmasters Pagina Ufficiale

MOONLIGHT HAZE

Altra band milanese, altra band nell’orbita della benemerita Scarlet Records.

Fondata nel 2018 dalla talentuosa cantante Chiara Tricarico e dal tastierista/batterista Giulio Capone, entrambi già parte dei Temperance.

La band comprende anche il bassista Alessandro Jacobi e i chitarristi Alberto Melinato e Marco Falanga.

Anche per loro due album all’attivo, “De Rerum Natura” del 2019 e “Lunaris” del 2020.

I Moonlight Haze si definiscono una band Power/Symphonic metal ed anche qui sono forti le influenze progressive.

La voce dolce e melodica di Chiara Tricarico è un piacevolissimo contrappunto al suono potente e sostenuto degli strumenti.

Moonlight Haze Sito Ufficiale

VOLTURIAN

Band Modern Metal, anche loro nati da un progetto Scarlet Records.

La voce di Federica Lanna, le musiche di Federico Mondelli (sì, lo stesso dei Frozen Crown…), Alberto Mezzanotte alla batteria (sì, anche lui…) e Massimiliano Rossi al basso.

I Volturian hanno uno stile particolare, Metal melodico ma con grande presenza di musica elettronica. Hanno pubblicato il loro primo album, “Crimson”, nel 2020.

Volturian Pagina Facebook

Volturian Sito ufficiale

RAWFOIL

Band brianzola fondata nel 2009.

A chi scrive non piace particolarmente il Thrash Metal, ma i Rawfoil ci mettono grinta, tecnica e soprattutto ironia ed ascoltarli è piacevolissimo.

Fondati da Francesco Ruvolo alla voce, la band conta Giacomo Cappellin e Ruben Crispino alle chitarre, Lorenzo Riboldi al basso e Marco Benedetti alle chitarre.

Hanno pubblicato il loro primo album, “Evolution in Action”, nel 2018 ed il secondo, “Tales from the Four Towers”, nel 2020

Rawfoil Pagina Facebook

Rawfoil Sito ufficiale

FUROR GALLICO

Interessantissima band milanese che propone un Folk Metal molto intenso e melodico, con forti ascendenze celtiche e progressive.

Davide Cicalese alla voce, Becky Rossi all’arpa celtica, Gabriel Consiglio alle chitarre, Marco Ballabio al basso e Mirko Fustinoni alla batteria.

I Furor Gallico sono attivi dal 2007 e si sono costruiti negli anni un grande seguito.

La loro fusione di atmosfere folk e curato suono metal conferisce alla band una grande versatilità stilistica.

Sono anche tra le poche band citate in questo articolo a proporre canzoni in Italiano (oltre all’Inglese, ‘lingua franca’ del Metal…).

Il loro primo album, “Songs from the Earth”, è del 2015 mentre il secondo, “Dusk of the Ages”, è del 2019.

I Furor Gallico sono attivissimi sia nei festival metal sia nei festival folk, e di certo riprenderanno ad esserlo quando i festival riprenderanno.

Furor Gallico sito ufficiale

DESTRAGE

Band milanese fondata nel 2005.

Il loro sound è fondamentalmente metalcore con influenze progressive.

Paolo Colavolpe alla voce, Matteo Di Gioia e Ralph Guido Salati alle chitarre, Gabriel Pignata al basso e Federico Paulovich alla batteria.

Band artisticamente molto attiva e prolifica, hanno all’attivo cinque album (“Urban Being” nel 2007, “The King is Fat’n’Old” nel 2010, “Are you kidding me? No” nel 2014, “A means to No End” nel 2016 e “The Chosen One” nel 2019)  nonché diversi tour in Giappone ed Europa.

Destrage pagina Facebook

Destrage Sito ufficiale

HOLY SHIRE

Band fondata nel 2009 e contraddistinta dalla presenza di due voci femminili (Erika Ferraris e Julia Eledhwen) e del flauto traverso di Chiara Brusa.

Il sound è Symphonic metal, con influenze celtiche e tematiche fantasy che traspaiono fin dal nome.

Autori di due album, “Midgard” del 2014 e “The Legendary Sheperds of the Forest” del 2019 e anche loro piuttosto attivi nei festival, sono una band da seguire.

Holy Shire Pagina Facebook

 

Metal

Liked it? Take a second to support Marco Previtera on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *