Il “Fuoco Sacro” di Stefano Pistolini

stefano-pistolini-Rai5-Carlo-Massarini

 

Siete vissuti negli anni ’70? Avete nostalgia di quegli anni? Amate la musica e le storie di quel periodo? Allora, vi consigliamo di leggere Fuoco Sacro di Stefano Pistolini, edito da Elliot.

E’ la storia di un uomo solitario ed inquieto che ricorda giorni memorabili vissuti negli anni ’70, il periodo della sua adolescenza trascorsa tra Roma e Milano. A distanza di tempo, nell’era della comunicazione globale, il protagonista inizia a cercare Marco, l’amico inseparabile con cui condivise quegli anni. Non è spinto dalla nostalgia, ma dalla voglia di rispecchiarsi in colui che considera il suo doppio, il compagno di tanti sogni, rapidamente sfumati.

Così, per capriccio, inizia la sua indagine, ma Marco sembra essere svanito nel nulla. I chilometri che separano le due città, Milano e Roma, diventano metafora di una lontananza, una separazione avvenuta in maniera inspiegabile. Di conseguenza, questa ricerca diventa una vera ossessione, un fuoco sacro, appunto.

Memoria e coscienza agiscono come due estranei nel protagonista che non si rassegna a quell’assenza, ma cerca di superare prove, incontri, apprende rivelazioni, tutto pur di trovare Marco e colmare la distanza anche in se stesso, fra ciò che era e ciò che è diventato.

Questo romanzo è un’esperienza dolorosa e l’evoluzione della storia permetterà all’animo del protagonista di purificarsi, alla ricerca di un equilibrio esistenziale necessario per diventare adulti. La scrittura è fluida, va per immagini come in una sceneggiatura e ci si riconosce subito nella descrizione di quel periodo. Attraverso l’indagine, inoltre, l’autore rivisita una cultura giovanile italiana in una breve stagione di splendore.

stefano

Stefano Pistolini è giornalista musicale, autore radiotelevisivo, sceneggiatore, video maker, saggista e conduttore. Vive a Roma ma è cresciuto a Milano e per un certo periodo ha vissuto anche negli Stati Uniti. Ha messo molto di sé nel protagonista che, non a caso, si chiama proprio Stefano. E’ arrivato a scrivere questo libro per noia, in un momento lavorativo in cui tutto era routine per lui, un attimo di smarrimento che gli ha, però, ispirato questa bella storia in cui molti potranno riconoscersi.

Liked it? Take a second to support Lidia Lyn on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *