supernatural-crowley-caccia-rowena

Supernatural 10×17: Inside man

“Inside man”. Iniziamo dal significato del titolo ,  perchè è stato davvero inaspettato, l’inside man è … squilli di trombe, rulli di tamburi: Bobby! OK in Supernatural la morte di un personaggio non vuol dire che non lo rivedremo ma è stato inaspettato. Bobby è l’inside man in paradiso che serve a Sam e Castiel per far scappare quel simpaticone di Metatron, potete facilmente immaginare perchè lo fanno.

Ma facciamo un passo indietro e come al solito anticipiamo il nostro giudizio complessivo che è molto positivo, probabilmente “Inside man” il miglior episodio di questa stagione non eccelsa, avremmo preferito solo un po’ più di coraggio in una certa scena, ne parleremo dopo. Non c’è dubbio che Supernatural senta il peso degli anni e che malgrado l’amore per i personaggi se fosse finito prima forse sarebbe stato meglio, ma neanche si può dire, per fortuna, che sia diventato una porcata tale da infangare il ricordo dei tempi migliori. Certo avremmo preferito che questo Supernatural 10×17: Inside man fosse stato il 10×04 o 10×05, speriamo solo che adesso avremo tutta una tirata finale su questi livelli. Per la prima volta dopo molto tempo ci è piaciuto praticamente tutto dell’episodio.

supernatural-bobby-castiel-metatronMa prima di elencare i punti che più abbiamo amato andiamo col racconto che stavolta sarà velocissimo, perchè non è il numero delle cose successe, ma la qualità di queste cose a fare la differenza: Dean sta sempre peggio, così Sam disperato chiama Castiel e mettono in atto il piano della disperazione, contattano Bobby tramite seduta spiritica, gli chiedono di scappare dalla sua celletta di paradiso per aprire il portale con la terra per far entrare Castiel, Castiel libera Metatron e lo porta sulla terra. Lui e Sam lo sbatacchiano un bel po (cioè fanno di peggio che sbatacchiarlo gli rubano la grazia e poi lo gambizzano)  ma scoprono che quando diceva che sapeva come liberarsi del Marchio stava bluffando, vorrebbero ammazzarlo ma quello promette a Castiel di ridargli la sua grazia.

Dean dal canto suo rimasto al rifugio dei Men of Letters va a farsi una birra e incappa in Rowena che come prevedibile dopo la scena tra lei e Crowley dello scorso episodio, va in missione omicida contro Dean che si rivela essere potenzialmente suicida visto che i suoi incantesimi si infrangono impotenti contro la protezione del Marchio di Caino. Scornata torna da Crowley ma prima si concia molto male da sola addossando la colpa a Dean, Crowley va a parlare  con Dean e scopre che la madre ha mentito (naturalmente non ha dubbi su chi dica la verità), dopo chiacchierata al bar con Dean su cosa voglia dire essere famiglia torna nel suo regno, tira fuori le palle come non gli vedevamo fare da tempo (il momento più bello dell’episodio) e mette alla porta la madre.

Alla fine  di Inside Man, a proposito, di famiglia mentre Sam legge la lettera, che quello che per loro è stato più padre del padre biologico ha consegnato a Castiel, vediamo che la disobbedienza di Bobby avrà certamente delle conseguenze sulla sua sistemazione after life, eppure lui è felice come non è mai stato nel suo paradiso perchè ha potuto aiutare ancora una volta i suoi ragazzi.

Cosa abbiamo amato:
supernatural-crowley-re-dell-inferno_ Crowley, abbiamo un debole per lui e per Mark Sheppard ma in questa stagione stavamo soffrendo per come veniva utilizzato il personaggio  che sembrava essere destinato a diventare una macchietta, nella scena in cui butta fuori Rowena l’abbiamo amato, così vogliamo che sia utilizzato Mark Sheppard, lui può far divertire e all’improvviso può tornare a essere King of Hell ed essere divertente prima e credibile come re dell’inferno poco dopo, cacchio avete Mark Sheppard, sfruttatelo appieno!
_ Rowena che è stata una valida spalla;
_ rivedere Metatron, lui è il classico personaggio che odi ma allo stesso tempo ti affascina, ma non del fascino dei grandi malvagi, no vorresti averlo fra le mani per potergli fare male, ma non riesci a fare a meno di guardarlo, una specie di Sally Spectra del Paradiso;
_ rivedere Bobby e anche se ci spiace per il personaggio, in realtà resistendo alla tentazione di considerare i personaggi come nostri amici reali, il messaggio finale, il fatto che la sua comoda sistemazione paradisiaca (letteralmente) non valesse la gioia di aver risentito uno dei suoi ragazzi ed aver provato ad aiutare l’altro,
_ Crowley e Dean le loro scene sono sempre belle, Ackles è bravo, Sheppard è ancora meglio, per noi potrebbero fare quaranta minuti a puntata di Crowley e Dean al bancone del bar;
_ il messaggio su cosa sia la famiglia per quanto non sia una novità ci trova concordi e non ci dispiace vederlo ripetuto, specialmente se fatto così bene. Bobby non condivide il sangue con Sam e Dean ma sono famiglia, Rowena è la madre naturale di Crowley, ma loro non sono famiglia, non apprezziamo perchè è troppo fan service l’allusione velata che si può cogliere a: Crowley e Dean sono pure famiglia.

Dove avremmo voluto più coraggio in “Inside man”: la scena nel bar, Dean dovrebbe essere sull’orlo del baratro, sarebbe stato molto più coraggioso da parte degli autori fargli uccidere Rowena, che non l’abbiano fatto per non complicare il rapporto con Crowley (male) o perchè hanno in mente grandi piani per Rowena (forse bene, staremo a vedere) non è comunque molto realistico.  Questo marchio è sempre più forte, ma quando fa comodo Dean resiste sempre, tranne poi fargli massacrare dei potenziali stupratori di ragazzine perchè così costruisce scena drammatica ma non troppo disturbante moralmente perchè abbiamo gioito tutti quanti e ci siamo preoccupati solo per Dean, non certo per le vittime..

Liked it? Take a second to support Roberto Fringie on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *