Il libro dei Baltimore – Joel Dicker – Recensione

Perché scrivo? Perché i libri sono più forti della vita. Sono la più bella delle rivincite. Sono i testimoni dell’inviolabile muraglia della nostra mente, dell’inespugnabile fortezza della nostra memoria.

Marcus Goldman è uno dei protagonisti di questa storia. Perché dico questo? Semplice perché i protagonisti della storia sono i Goldman e chi ha gravitato attorno a quella famiglia. Tutti.
Continua la lettura di Il libro dei Baltimore – Joel Dicker – Recensione

Intervista ai sodali di Feudalesimo e Libertà

Questa domenica abbiamo l’onore di ospitare sul nostro sito nientemeno che i sodali di Feudalesimo e Libertà, al servizio dell’unico vero imperatore, l’erede di Carlo Magno.

Iniziamo con le domande di Gigliola:
“Quando e come è nata la vostra pagina? Come avete cominciato, cioè, prima di essere su Facebook?”

Feudalesimo e Libertà nasce nel Dicembre dell’A.D. MMXII, alla vigilia dell’ultima tenzone elettorale che le lande italiche rimembrano. Prima di questa data noialtri cinque jovini non eravamo che dei profani, delli homini schiavi della modernità come tutti li altri, non ancor affrancati dallo giogo tecnologico.
Ma, una notte, accadde che simultaneamente ci apparve in sogno Lo Imperatore, ultimo erede legittimo di Carlo Magno. Questi, dopo averci schiaffeggiato per rimembrar chi comanda, ci diede lo compito de ripristinar lo Sacro Romano Impero con elli a capo. Continua la lettura di Intervista ai sodali di Feudalesimo e Libertà

Serie tv Eu Vs Usa: Forbrydelsen vs The Killing

Il 7 Gennaio 2007, sul canale danese DR1, va in onda la prima puntata del serial tv ‘Forbrydelsen’: giallo psicologico a puntate, antologico, ma con protagonisti fissi e con un minutaggio infinito sulle spalle. Sessanta minuti a episodio per tre stagioni dedicate agli amanti del thriller, del complotto e delle varie sfaccettature dell’animo e della psiche umana.
Sorvolando sulla complessità di pronuncia e di scrittura del titolo (‘Il crimine’ in italiano, fortunatamente mai tradotto), la serie si dimostra un successo già dopo le prime puntate. Forbrydelsen viene trasmesso nelle vicine Finlandia, Svezia e Belgio, per poi passare a Francia, Austria e Regno Unito. Sarà proprio in Inghilterra che la serie troverà il maggiore pubblico di affezionati, fino ad essere trasmessa in lingua originale con sottotitoli in inglese sul canale BBC Four (trattamento riservato anche all’italianissimo ‘Gomorra’). Gli inglesi amano le atmosfere cupe e uggiose della perennemente plumbea Copenaghen televisiva, tanto da seguire le tre storie proposte con il medesimo attaccamento della prima ora.

Tutte le stagioni di Forbrydelsen raccontano la storia di un delitto e grazie all’agente Sarah Lund, il telespettatore viene risucchiato in un vortice di eventi enigmatici, misteriosi e terrificanti.

Avvisiamo che da qui in avanti saranno presenti degli SPOILER! Continua la lettura di Serie tv Eu Vs Usa: Forbrydelsen vs The Killing

Intervista a Fabrizio Peronaci, autore de La Tentazione

Dopo aver recensito il libro “La tentazione” di Fabrizio Peronaci, questa volta abbiamo deciso di dargli voce direttamente con un’intervista dove ci racconta interessanti aspetti del suo lavoro.
Continua la lettura di Intervista a Fabrizio Peronaci, autore de La Tentazione

L’Orologiaio di Filigree Street – Recensione

L’orologiaio di Filigree Street è l’opera prima della scrittrice inglese Natasha Pulley.

Questo libro mi è stato consigliato, fin da subito sia la copertina sia la  trama mi avevano incuriosito.

La scrittrice ci catapulta in una storia che si alterna tra la Londra di fine 800’ sconvolta dagli attacchi terroristici irlandesi e il Giappone. Contornata di mistero, un pizzico di giallo, scienza e qualche elemento magico.

Continua la lettura di L’Orologiaio di Filigree Street – Recensione

#Stranierointerrastraniera di #RobertAHeinlein – Recensione

Robert A. Heinlein è stato uno dei più grandi scrittori di fantascienza, molte delle sue opere sono state saccheggiate dagli autori di film/serie tv e libri moderni e penso che solo chi ama da anni questo genere se ne può accorgere.

Questo romanzo fa parte dell’elenco delle opere di cui sopra ed è veramente complicato recensirlo in quanto le tematiche sono molte e su più livelli.

Fondalmente Straniero in terra Straniera si divide in tue tronconi ma prima vi avviso che da qui in avanti saranno presenti diversi SPOILER. Continua la lettura di #Stranierointerrastraniera di #RobertAHeinlein – Recensione

Miss Marple: Nemesi di Agatha Christie – Recensione

Ho sempre amato Agatha Christie, come ho già avuto di spiegare nella recensione de Il pozzo di Alesund, quindi temo che sarò un po’ di parte nel raccontare questo romanzo.

Ho notato che, malgrado non avesse in mente una vera e propria saga, una sorta di filo conduttore c’è nelle sue storie e purtroppo si deve anche stare attenti a leggerli in ordine di pubblicazione perché se no vi ritroverete a scoprire in anticipo l’assassino o l’assassina.

Sì perché io, a metà libro, mi sono resa conto di avere già letto un libro successivo a questo dove era raccontato, con dovizia di particolari, l’identità del killer.

Prima di continuare avviso che saranno presenti diversi SPOILER ma prometto che cercherò di evitare di svelarvi tale identità. Continua la lettura di Miss Marple: Nemesi di Agatha Christie – Recensione

Dietro le quinte della storia: Cercasi Monna Lisa disperatamente

È uno dei dipinti più conosciuti al mondo, se non addirittura il più riconoscibile della storia dell’arte.
La Gioconda è un quadro realizzato da Leonardo Da Vinci e risalente al periodo che va tra il 1503 e il 1506. Olio su tavola di pioppo sottile e leggermente imbarcato, una crepa visibile sul retro, diversi danni causati dal rocambolesco susseguirsi di atti vandalici perpetrati ai suoi danni e conservazione affidata a una teca di vetro infrangibile, con livelli di temperatura e umidità controllati dall’esterno.
Continua la lettura di Dietro le quinte della storia: Cercasi Monna Lisa disperatamente

The strain 4×04: new horizons

The strain 4×04: new horizons, alla fine di questo episodio la prima cosa che ho pensato è stata: “Credevo peggio!”, e sì perché quando nel previously ho visto Gus e Dutch ho pensato: “Che palle!” ho già spiegato nelle precedenti recensioni che penso delle loro storyline in questa stagione.
Continua la lettura di The strain 4×04: new horizons

La cultura al vostro servizio