Ballate dalla grande recessione – Marco Sonaglia

Marco Sonaglia è insegnante presso l’Accademia dei Cantautori di Recanati

ed è una delle voci e delle menti più interessanti tra i cantanti indipendenti.

Abbiamo voluto ascoltare “Ballate dalla grande recessione” ,

due volte per poterlo comprendere appieno.

E’ un disco complesso, come ben dice il cantautore .

Vi sono rimandi a Francesco De Gregori e Fabrizio De André,

financo a Francesco Guccini, i ‘grandi’ della musica italiana dei passati decenni.

 

Tuttavia confessiamo di averci visto anche riferimenti a Lucio Battisti di Anima Latina,

ad esempio in “Ballata per una ballerina”,

ardente e delicata danza contro ogni tipo di guerra,

che stritola il cuore, fino a star male

In alcune ballate, come in “Primavera a Lesbo”,

si parla di drammi attuali, come i profughi rinchiusi nei centri nell’isola di Lesbo

dove solo mani pietose e compassionevoli aiutano queste vite dimenticate

dalla “saggia” Europa.

Tragedie raccontate usando le regole contro la pandemia di SARS – Cov2 2019,

rendendo il tutto più tragico e beffardo.

Potendo percepire persino un rapace che danzava nel cielo, in una prateria sconfinata.

 

Un condor, per la precisione, come nella celebre “El Còndor Pasa” 

 

In altre vi era anche il suono di un’armonica, che, di nuovo, ci portava in alto in cielo,

tramite le strane creature de “Il mio vicino Totoro” di Hayao Miyazaki.

Ascoltare “Ballata per Cuba” e diteci se non pensate a Totoro…

Solo che mentre nel film di Miyazaki i sogni diventano realtà,

qui si racconta dei sogni traditi della rivoluzione cubana.

Le sonorità sono buone, evocative ed emotivamente molto coinvolgenti. 

Forse chi è abituato ad ascoltare grandi produzioni di artisti affermati potrebbe trovarle un po’ ruvide, poco rifinite ma questo non si deve certo a limiti dell’autore, manca probabilmente soltanto la mano di una buona casa di produzione. 

La parte melodica quindi andrebbe solo leggermente affinata ma il materiale “un po’ grezzo”, se posso permettermi, è di fattura pregiata. 

E, tanto per esempio, la parte di chitarra elettrica di “Ballata per Stefano” strappa brividi anche a un vecchio metallaro.

Il pezzo parla della nota e triste vicenda di Stefano Cucchi, empatizzando con il giovane geometra e la sua famiglia.

E dimostra il coraggio di non trattare i soliti temi, del ti lascio, ti amo, ti prendo, che francamente proprio hanno stufato.

L’album è terribilmente, inevitabilmente attuale e ci rimette davanti a quelle cose che stanno succedendo intorno a noi e vicino a noi ma che noi rifiutiamo di vedere.

Parla di attualità, con rabbia, passione, intelligenza e arguzia.

 

Trovate al link sotto il disco di Marco Sonaglia 

Ballate della grande recessione

Qui invece le sue pagine social

Marco Sonaglia – Pagina Facebook

Marco Sonaglia – Canale You Tube

Marco Sonaglia – Deezer

Marco Sonaglia – Spotify

Marco Sonaglia – Instagram

 

Articolo di Silvia Azzaroli e Marco Previtera

Liked it? Take a second to support Silvia Azzaroli on Patreon!
Silvia Azzaroli

Sono una Scrittrice perché quando scrivo mi sento viva e posso visitare nuovi mondi e nuove terre;

Il mio motto è:
"Siamo universi dentro altri universi." (Ho Sognato Babilonia)

Adoro camminare e andare in bici;

Ecologista, Attivista culturale e contro le Malattie Rare, Femminista;

Star Wars/Trek Geek, Proud Hamster, Fringie, Whoovian, MCU Fan, Sci-Fi Geek;>

Amo la Fantascienza, che per me è il genere per eccellenza ma apprezzo anche i Noir, i Romanzi storici, i Saggi e il Fantasy;

I Mici, la Musica, l'Arte (Monet, Artemisia Gentileschi, Raffaello, Caravaggio, Renoir, Hopper, Tiziano), il Tennis (King Roger Federer), la Pallavolo(indimenticabile la nazionale maschile di Velasco, Bernardi, Zorzi, ecc, ora adoro Paola Egonu, Alessia Orro e co), il Pattinaggio, Curling e molto altro;

Amo il Cinema la cosiddetta settima arte.

L'elenco dei film preferiti sarebbe infinito posso solo dire che amo tanto il cinema indipendente che i kolossal, basta che mi lascino qualcosa di positivo dentro l'anima e il cervello;

Le Serie tv. Anche qui l'elenco sarebbe infinito.
Metto solo le prime che mi vengono in mente:
Fringe, Twin Peaks, X-Files, Person of Interest, Doctor Who,
The Expanse, 12 Monkeys, Broadchurch, Peaky Blinders,
E.R., Friends, Quantum Leap, Battlestar Galactica,
Fleabag, New Amsterdam, Call the Midwife, Wanda Vision,
Star Trek, Hanna, The Falcon and The Winter Soldier
;

La Letteratura (senza libri non vivo!):

Jane Austen, Banana Yoshimoto, Ray Bradbury, Isaac Asimov,
Robert Heinlein, Arthur Clarke, Agatha Christie, Paolo Rumiz,
Charles Baudelaire, Nilanjana Roy, Giuseppe Ungaretti, Sarah Moss,
Laura Intino, Alessandro Manzoni, Francesco Petrarca, Marcela Serrano,
J.R.R. Tolkien, Mariana Enriquez, Robert Silverberg, Daniel Pennac,
Leigh Brackett, Haruki Murakami, Leigh Brackett, Etty Hillesum,
Virginia Woolf, Oliver Sacks, Priyamvada Natarajan.

Sono affascinata dalla Scienza anche perché volevo diventare medico .
Adoro figure storiche femminili che si sono contraddistinte in questo campo,
in particolare Sabina Spierlein (madre della psichiatria moderna),
Margherita Hack grande astrofisica italiana),
Samantha Cristoforetti (Geniale astronauta italiana).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.