Gigliola Foglia – “Tulle Rosa” e “La Scarpetta di Vetro”

Tulle Rosa e La Scarpetta di Vetro

Il volo di una danzatrice

 

 

Ho letto “Tulle Rosa” e “La Scarpetta di Vetro” della danzatrice/giornalista/scrittrice/guida turistica Gigliola Foglia in tempi diversi.

Il primo lo lessi nell’autunno 2017, nelle panchine del parco giochi del mio paese, tornando dal lavoro e/o dalle spese quotidiane, perdendomi in questa lettura particolare, pur essendo presa dai primi freddi autunnali.

Tulle Rosa racconta di una giovane ballerina, Yolanda, che essendo non particolarmente bella e dotata, viene sempre messa in secondo piano dalla maestra, che le preferisce le più magre, le più belle, le più talentuose, trattando lei e le altre come brutti anatroccoli.

 

 

Como 4 maggio 2013.
Gigliola Foglia porta la bandiera italiana durante una cerimonia.
Fu breve esibizione con il brano “La Russia sotto il giogo Mongolo”
(da “Alexander Nevsky” di Prokofiev),
durante la visita a Como dell’ambasciatrice di Cuba, 
Milagros Carina Soto Aguero.
Esibizione organizzata dall’Associazione Italia-Cuba, 
con la partecipazione dell’ANPI,
al Monumento alla Resistenza Europea.

Yolanda ha una passione autentica per la danza e se messa alla prova, rivela di averlo eccome un certo talento, pur non rientrando in certi standard fisici.

Se è vero che il talento delle migliori non va sprecato, non è però giusto mortificare chi non è bravo quanto le prime delle classi, facendo intendere che soltanto le étoile possano danzare.

Chi lo dice? E soprattutto perché deve essere così? La danza è qualcosa che ti viene da dentro, ce lo spiega bena Gigliola Foglia, nessuno deve proibire di ballare.

Il vero compito di una maestro dovrebbe essere quello di aiutare gli ultimi, non metterli da parte, cercando di smorzare i loro difetti ed esaltare i loro pregi.

 25 novembre, Giornata contro la violenza sulle donne.
Gigliola Foglia ne “Otello”,  Teatro Sociale di Como qualche anno fa.

Dopotutto esiste l’étoile ma esiste anche il corpo di ballo e se si lavora con impegno, dedizione e passione, si possono superare i propri difetti, tirando fuori la piccola fata che è in noi.

Perché così mi immaginavo le ballerine da piccola e così mi immaginavo Yolanda mentre danzava.

Lei è cresciuta, in qualche modo e ha superato le sue paure, sbocciando da crisalide a farfalla, da Yolanda a Fabia de “La scarpetta di Vetro”.

Gigliola Foglia collabora anche con La Provincia di Como

Perché se è vero che Yolanda e Fabia sono personaggi diversi, è anche vero, parole di Gigliola Foglia, che Fabia è una sorta di Yolanda cresciuta, più sicura di sé e più matura.

Lo si evince da diversi dettagli che alle lettrici e ai lettori più attenti non saranno sfuggiti.

Yolanda teme di non essere all’altezza, Fabia crede di non poter più danzare ed è diventare fotografa, una brava fotografa, per sbarcare il lunario.

Yolanda si sente un pulcino grassoccio e sgraziato, Fabia sa di essere stata una delle migliori ballerine ma ora teme di non esserlo più perché la ferita non è stata solo fisica ma anche spirituale e psicologica.

Yolanda adora i gatti e ne ha uno che è una sorta di confidente/amico del cuore. Tutte le gattofile e i gattofili si sentiranno vicino a lei per questo.

E chi conosce Gigliola Foglia sa quanto adori veramente i mici.

Yolanda vive con la madre, con cui ha un rapporto non del tutto riuscito, Fabia è legata alla madre, che con lei è molto protettiva ma troverà la forza di farle spiccare il volo.

Lo stile dei due romanzi è accattivante e cattura le lettrice e i lettori, portandolo in un mondo così reale che si può toccare, almeno lo possono fare coloro che conoscono e amano il nostro lago, il lago di Como, dove le due vicende sono ambientate.

 

La giornalista Stefania Pedrazzani intervista Gigliola Foglia nella sua trasmissione Caffè Letterario, Mon Amour.                                                Trovate qui l’intervista

Si sente anche la maturazione come scrittrice di Gigliola Foglia ne “La Scarpetta di Vetro”, capace di raccontarci una bella Storia d’amore, in cui Cenerentola e il principe sono modernizzati.

E lo sono a tal punto da sembrare più veri del vero perché il loro rapporto si evolve giorno per giorno, senza inutili e tediose scaramucce dell’ormai superata guerra dei sessi.

Anzi i due protagonisti sono due persone alla pari, che si confidano i propri drammi, piangendo, scherzando, arrabbiandosi, ridendo e danzando infine in una sorta di gran ballo moderno.

 

Tra le parti che ho amato di più in assoluto vi sono i momenti in cui Valeriano confida a Fabia il suo dolore per la perdita dell’amico e collega, facendo capire come la morte di una persona cara non si supera mai del tutto e, nel contempo chi muore, resta con noi attraverso le tante cose che ci ha lasciato.

Ho amato poi la descrizione della lotta fra gatte, come direbbe la mia socia Simona, che svela come la bellezza fisica non sempre corrisponde a quella interiore e che infine chi sceglie di fare del male è soprattutto un gran vigliacco.

Se amate la letteratura e la danza, vi consiglio questi due splendidi romanzi, che vi faranno sentire delle vere fate e vi faranno sentire meno sole quando affronterete i problemi di ogni giorno.

Perché l’empatia è solo di chi sa danzare con il cuore e con l’anima.

Potete trovare i due libri, contattando l’autrice qui:

Tulle Rosa – Pagina Facebook Ufficiale

La Scarpetta di Vetro – Pagina Facebook Ufficiale

Gigliola Foglia – Profilo personale

Il MerCatOne – tutto (o quasi) a un euro per i mici del lago

Danza a Como e dintorni

Liked it? Take a second to support Silvia Azzaroli on Patreon!
Silvia Azzaroli

Sono una scrittrice perché quando scrivo mi sento viva e posso visitare nuovi mondi e nuove terre.

Amo la fantascienza, che per me è il genere per eccellenza ma apprezzo anche i noir, i romanzi storici e il fantasy;

Amo il cinema la cosidetta settima arte: Star Wars, Prima dell'Alba, Blade Runner, Lost in Translation, Her, Marie Antoinette, Pane e Tulipani, Gattaca, Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo, Lady Hawke, Eternal Sunshine of Spotless Mind, Love Actually, Leon, Il signore degli anelli, La storia fantastica, Grand Budapest Hotel, Picnic ad Hanging Rock, Fino alla fine del mondo, il cielo sopra Berlino, Marie Antoinette, Arrival, l'Erba di Grace, Questione di Tempo, Lo chiamavano Jeeg Robot, Dopo Mezzanotte;

Le serie tv: in particolare Fringe, Twin Peaks, X-Files, Person of Interest, Doctor Who, The Expanse, 12 Monkeys, Broadchurch, Peaky Blinders, E.R., Friends, Quantum Leap, Battlestar Galactica, Fleabag, New Amsterdam, Call the Midwife, Wanda Vision, The Falcon and The Winter Soldier;

la letteratura: Daniel Pennac, Jane Austen, Banana Yoshimoto, Ray Bradbury, Isaac Asimov, Robert Heinlein, Arthur Clarke, Agatha Christie, Paolo Rumiz, Baudelaire, Ungaretti, Manzoni, Petrarca, Marcela Serrano, J.R.R. Tolkien, Robert Silverberg, Daniel Pennac, Leigh Brackett, Murakami, Leigh Brackett, Etty Hillesum, Virginia Woolf, Laura Intino;

i mici, la musica, il tennis (King Roger Federer), la pallavolo(indimenticabile la nazionale maschile di Velasco, Bernardi, Zorzi, ecc, ora adoro Paola Egonu e co), il pattinaggio e molto altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.