“Una melodia tra di noi” di Violet Z. – Recensione

Non sono un’amante dei romance e per fortuna “Una melodia tra di noi” di Violet Z. non lo è.

E’ soprattutto il racconto di un padre, Alex e un figlio, Damian non di sangue ma di cuore.

Il loro rapporto è la prova che un genitore può essere tanto severo quanto affettuoso.

Le due cose non sono in contraddizione.

 

Anzi chi vizia i propri figli spesso non è affettuoso per nulla.

Dare delle regola ai propri figli significa amarli perché gli si insegna cos’è bene e cosa è male.

E questo romanzo lo spiega molto bene attraverso la relazione tra Alex e Damian, uniti da un affetto che va oltre i legami di sangue.

Un rapporto a volte conflittuale, a volte tenero ma sempre rispettoso e umano, che scalda il cuore.

Attorno a loro si muovono vari personaggi, tra cui la band in cui suona Damian; la sua fidanzata Maria Sole, una ragazza ex anoressica che non vuole essere l’ombra di Damian e sa già cosa farà da grande, infatti si iscrive all’università a cui tiene molto.

Poi ci sono alcuni amici della vita passata di Damian e tutta la famiglia di Alex, con il ragazzo vive.

Una melodia tra di noi – citazione – Immagine di Sognando con un libro in mano

 

“Una melodia tra di noi” è una storia cruda e dura per certi versi, soprattutto perché il passato del giovane non è per nulla facile, in primis per il padre naturale che lo riempiva di botte e che ha causato la morte della madre, anche lei musicista, come il figlio (ma di strada) e con il nonno materno, un uomo eccessivamente severo.

Eppure è colma di speranza perché tutti coloro che lo vogliono davvero hanno diritto ad una seconda chance.

Da amante della musica non posso non apprezzare il fatto che Damian, quando sta male, si rifugi in essa, componendo canzoni che raccontano la sua vita.

Molto realistico e lo dico anche da scrittrice, che quando si sente giù sa quanto la scrittura possa essere un’ottima medicina.

Trovate “Una melodia tra di noi” qui sotto

Una melodia tra di noi su Amazon

 

Liked it? Take a second to support Silvia Azzaroli on Patreon!
Silvia Azzaroli

Sono una scrittrice perché quando scrivo mi sento viva e posso visitare nuovi mondi e nuove terre.

Amo la fantascienza, che per me è il genere per eccellenza ma apprezzo anche i noir, i romanzi storici e il fantasy;

Amo il cinema la cosidetta settima arte: Star Wars, Prima dell'Alba, Blade Runner, Lost in Translation, Her, Marie Antoinette, Pane e Tulipani, Gattaca, Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo, Lady Hawke, Eternal Sunshine of Spotless Mind, Love Actually, Leon, Il signore degli anelli, La storia fantastica, Grand Budapest Hotel, Picnic ad Hanging Rock, Fino alla fine del mondo, il cielo sopra Berlino, Marie Antoinette, Arrival, l'Erba di Grace, Questione di Tempo, Lo chiamavano Jeeg Robot, Dopo Mezzanotte;

Le serie tv: in particolare Fringe, Twin Peaks, X-Files, Person of Interest, Doctor Who, The Expanse, 12 Monkeys, Broadchurch, Peaky Blinders, E.R., Friends, Quantum Leap, Battlestar Galactica, Fleabag, New Amsterdam, Call the Midwife, Wanda Vision, The Falcon and The Winter Soldier;

la letteratura: Daniel Pennac, Jane Austen, Banana Yoshimoto, Ray Bradbury, Isaac Asimov, Robert Heinlein, Arthur Clarke, Agatha Christie, Paolo Rumiz, Baudelaire, Ungaretti, Manzoni, Petrarca, Marcela Serrano, J.R.R. Tolkien, Robert Silverberg, Daniel Pennac, Leigh Brackett, Murakami, Leigh Brackett, Etty Hillesum, Virginia Woolf, Laura Intino;

i mici, la musica, il tennis (King Roger Federer), la pallavolo(indimenticabile la nazionale maschile di Velasco, Bernardi, Zorzi, ecc, ora adoro Paola Egonu e co), il pattinaggio e molto altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *